Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Quarto, discarica al posto di un santuario dell curia di Pozzuoli


Quarto, discarica al posto di un santuario dell curia di Pozzuoli
24/01/2011, 16:01

«Il sindaco, la giunta comunale, l’intero Consiglio comunale e soprattutto 40mila cittadini di Quarto dicono in modo convinto e netto No alla discarica». E’ il testo dei manifesti e mega striscioni che saranno affissi nella cittadina flegrea dopo l’incontro avuto questa mattina dal sindaco Sauro Secone con il Presidente della Provincia di Napoli, Luigi Cesaro, nel corso del quale il presidente Cesaro ha confermato al sindaco che sarà localizzata nella zona delle cave di via Spinelli a Quarto, al confine con la zona di via Reginelle di Monterusciello, una discarica che sarà attiva nelle prossime settimane. «Ho riunito d’urgenza tutti i consiglieri comunali e da loro ho avuto il pieno mandato di esprimere il nostro netto rifiuto alla discarica a Quarto, senza se e senza ma – sottolinea il sindaco Sauro Secone – Qui non ci sono appartenenze politiche o sigle di partito. Il nostro è un rifiuto netto bipartisan, che non guarda al colore politico, ma solo al futuro dei 40mila cittadini di Quarto, già colpiti in passato dalle discariche di Contrada Pisani, della zona di Giugliano e dagli sversamenti abusivi che per anni si sono concentrati nelle cave di via Spinelli. Da quando sono stato eletto sindaco, nel 2007, ho immediatamente chiesto all’allora prefetto di Napoli, Alessandro Pansa, di istituire un Tavolo permanente per il monitoraggio e la bonifica ambientale delle cave, tra l’altro alcune di esse anche sottoposte a sequestri penali da parte della magistratura per presunti sversamenti di rifiuti tossici e altamente nocivi. Adesso, dopo tutto quanto accaduto in passato, con una scelta illogica e contestabile sotto tutti i punti di vista, si decide di far morire un intero territorio che, com’è fatto, mal si presta ad ospitare una discarica». Tutti i partiti politici che siedono nel Consiglio comunale, Pd, SeL, Idv, Verdi, Udc, Udeur, Pdl, Fli e rappresentanti del Gruppo Misto hanno dato pieno mandato al sindaco Secone di esprimere al presidente Cesaro il netto diniego di Quarto. «Domani mattina alle 10 ho convocato un Consiglio comunale straordinario e urgente, per decidere insieme alla cittadinanza, ai movimenti civici, alle associazioni, alle forze sociali e imprenditoriali e alle forze sindacali le prossime tappe di questa lotta contro la discarica – continua Sauro Secone – Nel pieno rispetto della legge, faremo sentire forte la nostra voce unica di dissenso, con una protesta pacifica, ma ferma nei toni e nei modi. Una protesta civile per far capire che Quarto ha già dato, in passato, subendo le nefaste conseguenze della discarica di Pisani e dello sversamento abusivo e senza regole di materiale tossico e pericoloso, come accertato anche da alcune inchieste della magistratura. Tra l’altro, c’è un progetto di riqualificazione della zona, con la localizzazione di un santuario della Curia di Pozzuoli e, invece, dovremo subiremo la localizzazione della discarica».

Commenta Stampa
di redazione
Riproduzione riservata ©