Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Questione morale: il documento dell'ANM


Questione morale: il documento dell'ANM
16/07/2010, 17:07

La recente vicenda giudiziaria che è culminata nell'emissione della misura cautelare a carico di Flavio Carboni, Arcangelo Martino e Pasquale Lombardi - indagati per aver costituito un centro di potere occulto finalizzato, tra l'altro, al condizionamento di alcune decisioni giurisdizionali grazie ai rapporti intrattenuti con alcuni magistrati che ricoprivano incarichi di massimo rilievo - impone una pronta reazione, che ribadisca quanto il modello di magistrato, che l'ANM ha già disegnato con il proprio codice deontologico, sia lontano da tali compromissioni.

La Giunta napoletana esprime la massima preoccupazione in merito e sottolinea la "permanente attualità" della questione morale.

Prescindendo dalle valutazioni prettamente giuridiche e dall'accertamento di eventuali responsabilità penali, che non competono all'ANM, certamente ci spetta invece l'individuazione delle strade percorribili per stigmatizzare in modo concreto i comportamenti censurabili emersi, attivando fin d'ora le procedure specifiche previste dallo Statuto e sottolineando che tali accertamenti e le conseguenti necessarie riflessioni non possono essere preclusi, come invece accaduto anche nel recente passato, dalle repentine dimissioni dei colleghi interessati;

la Giunta del Distretto di Napoli

chiede

che la GEC si attivi per avviare tempestivamente le procedure disciplinari previste dallo Statuto dell'ANM.

Approvato all'unanimità .

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©