Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Sequestrati fogli con nomi e numeri degli “affari” del clan

Racket, blitz nei quartieri della mala a Portici


.

Racket, blitz nei quartieri della mala a Portici
18/03/2010, 13:03

PORTICI – Controlli a tappeto e perquisizioni nei quartieri della mala dopo gli attentati incendiari ai danni di due negozi del centro. L’operazione ha visto in campo nella giornata di ieri ben settanta carabinieri del gruppo di Torre Annunziata, in collaborazione con i militari del decimo battaglione Carabinieri Campania e con l’ausilio anche di un elicottero dell’Elinucleo di Pontecagnano.
Nessun ritrovamento di armi, munizioni, materiale esplosivo o droga, nel corso dei controlli però le forze dell’ordine hanno rinvenuto in alcune abitazioni di presunti affiliati al clan Vollaro numerosi fogli scritti con i nomi e i numeri degli affari illeciti. Nominativi e cifre che potrebbero servire a far luce sulle attività estorsive della criminalità organizzata, sulle vittime del pizzo.
100 le persone identificate, 12 le abitazioni perquisite e circa 50 i veicoli controllati dai carabinieri che hanno presidiato la città per dare una risposta forte dopo gli ultimi episodi criminali contro due attività commerciali verificatesi in città. Sotto assedio le roccaforti della camorra, i carabinieri hanno fatto irruzione all’interno delle abitazioni di esponenti del clan alla ricerca di elementi utili per risalire ai responsabili dei due attentanti incendiari. Controlli a piazza san Ciro, via Università, via Naldi, vico Nastri e nella zona mercato. In città è tornata la paura, non ci sono più dubbi, infatti, sulla natura dei due raid incendiari e i commercianti temono di subire richieste estorsive. Nonostante gli arresti dello scorso giugno, pare che il clan si stia riorganizzando. Un’operazione straordinaria delle forze dell’ordine, quella di ieri, per dire alla camorra che lo Stato c’è, per far fronte alla recrudescenza dei fenomeni criminali e in particolare del racket a danno dei commercianti del territorio e abbattere il muro d’omertà. La società civile intanto si prepara al corteo anticamorra del prossimo sabato 27 marzo organizzato dal Forum dei giovani.

Commenta Stampa
di Antonella Losapio
Riproduzione riservata ©