Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Aveva occupato frequenze di un'altra emittente

Radio Padania scacciata dal Salento, occupava frequenze abusive

Accolto il ricorso del legale della radio danneggiata


Radio Padania scacciata dal Salento, occupava frequenze abusive
31/01/2011, 11:01

LECCE - Questa volta Radio Padania se ne è dovuta tornare a casa, piena di livore e con le pive nel sacco. Non è riuscito lo sbarco al sud, tentato a dicembre dalla radio della Lega Nord che, abusando del suo stato di "radio comunitaria" e sfruttando una leggina ad hoc (che le permette di appropriarsi di una frequenza già occupata, se l'esercente entro 90 giorni non solleva obiezioni), aveva tentato di farsi sentire anche in provincia di Lecce. E così lo scorso 17 dicembre aveva cominciato a trasmettere da Alessano, occupando le frequenze di Radio Nice, Immediatamente è partito l'esposto del legale della radio, che fa parte del gruppo Mixer Media; e quindi il Ministero dello Sviluppo Economico non ha potuto far altro che ordinare alla radio leghista di fare le valigie.
Nei giorni scorsi poi è arrivato anche un gesto distensivo da parte di Paolo Pagliaro, editore del gruppo salentino, sotto forma di una video lettera, postata su Youtube, nella quale viene lanciata al direttore di Radio Padania (l'eurodeputato e consigliere comunale di Milano Matteo Salvini) l'invito a scendere in Salento per apprezzarne le bellezze.
Resta tuttavia inconcepibile come sia ammissibile che continui ad esistere una radio che 24 ore al giorno insulta cittadini extracomunitari e meridionali, istiga all'odio razziale e così via.

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©