Cronaca / Giudiziaria

Commenta Stampa

Raffaele Cantone presenta il libro Football clan

Giovedì 6 giugno ore 18,30, Biblioteca diocesana di Caserta

Raffaele Cantone presenta il libro Football clan
05/06/2013, 09:05

CASERTA - Il Dott. Raffaele CANTONE presenta il suo libro "FOOTBALL CLAN", scritto con il giornalista Gianluca DE FEO.


Introduce la Dott.ssa Lucia ESPOSITO


Intervengono:
- Dott. Catello MARESCA

Sostituto Procuratore presso la D.D.A. di Napoli

- Prof. Sergio TANZARELLA

Ordinario di Storia della Chiesa presso la Facoltà Teologica dell'Italia Meridionale di Napoli

- Delegazione della squadra "Nuova Quarto Calcio per la Legalità"


Modera il Dott. Alberto LIBECCIO, Direttore Interregionale per la Campania e la Calabria - Agenzia delle Dogane e dei Monopoli

 

Letture a cura dell’Avv. Rossella CALABRITTO


Con il patrocinio della Parrocchia del Buon Pastore, Caserta



Football clan


Il calcio è un affare.

E dove girano i soldi, le mafie allungano i tentacoli. Partite combinate e scommesse clandestine in combutta con le centrali asiatiche del gioco online, racket a bordo campo, merchandising tarocco, appalti sui nuovi stadi sono solo alcune voci di un bilancio miliardario. E molto sporco. Ma non è solo una questione di denaro: il football è anche potere. I clan acquistano squadre per comprare il consenso, per sedersi in tribuna e stringere mani importanti; attingono manovalanza dai vivai giovanili e usano gli ultras come massa di manovra per tenere le città sotto scacco. E intanto le arene si svuotano e nel cuore di molti tifosi la passione viene scalzata da delusione e disgusto. Dalla scalata dei casalesi per conquistare la Lazio alle foto di Maradona e Hamsik usati come testimonial abbracciati a padrini; dalla cordata di riciclatori che stava acquistando la Roma al giro delle pizzerie-lavanderia di capitali criminali che aveva tra i soci Cannavaro e altri campioni. Dalla gita a Scampia di Balotelli alle frequentazioni malavitose di Sculli, dalle promozioni in cambio di bazooka nella Locride al sistemone all inclusive della camorra stabiese, Cantone e Di Feo raccontano storie inquietanti e spesso inedite. Intrecciando in un’unica voce lo scrupolo del cronista e l’esperienza del magistrato, mettono a nudo i fatti ma anche le falle dei sistemi di controllo e di sanzione della giustizia sportiva (emanazione di un’associazione di privati ispirata a logiche di trattativa). E, soprattutto, avanzano proposte concrete per prevenire gli illeciti, rendere più efficienti i sistemi di indagine e meno indulgenti le punizioni. Perché il calcio è un bene comune e deve tornare a essere il gioco pulito che da sempre unisce gli italiani.

Raffaele Cantone, magistrato napoletano, ha lavorato come p.m. alla Direzione distrettuale antimafia, dal 2007 è giudice presso l’Ufficio del massimario della Corte di Cassazione. È autore dell’inchiesta sull’unico tentativo, noto nel mondo occidentale, di scalata criminale a una squadra di serie A. Ha pubblicato Solo per giustizia (2008) e con Gianluca Di Feo I gattopardi (2010).

Gianluca Di Feo, giornalista, si occupa da vent’anni, prima al “Corriere della Sera” e ora all’“Espresso”, di criminalità organizzata, corruzione, traffico d’armi e servizi segreti. In BUR ha pubblicato Veleni di Stato (2010).

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©