Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Un'altra persona è stata assolta,

Ragazza andò in coma ad un rave party: quattro condanne


Ragazza andò in coma ad un rave party: quattro condanne
16/04/2010, 09:04

BOLOGNA - Quattro persone sono state condannate, davanti al Tribunale di Bologna, con l'accusa di agevolazione dell'uso di droghe e occupazione abusiva. I fatti sono relativi al 2006, quando fu organizzato un rave party presso l'ex Macello della città, durante il quale una ragazza andò in coma per aver bevuto dell'ecstasy liquida. Gli imputati vennero identificati come organizzatori del party attraverso lunghe indagini, e sono stati accusati di sapere benissimo che circolava la droga all'interno di quel gruppo di persone che ballavano. Al termine del processo, svoltosi con il rito abbreviato, quattro imputati sono stati condannati ad un anno e sei mesi di reclusione ed una multa di 500 euro, mentre un quinto imputato è stato assolto. I quattro sono stati individuati come organizzatori del rave party in questione.
Solitamente è difficile individuarli, dato che l'organizzazione si basa per lo più su un passaparola. Ma questa volta c'era una traccia a causa dei versamenti postali fatti dai partecipanti, che hanno pagato 10 euro a testa.

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©