Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

RAGAZZA STUPRATA A CAPODANNO: I GENITORI MINACCIANO DI FARSI GIUSTIZIA DA SE'


RAGAZZA STUPRATA A CAPODANNO: I GENITORI MINACCIANO DI FARSI GIUSTIZIA DA SE'
26/01/2009, 08:01

Sara' quasi certamente processato con il giudizio immediato Davide Franceschini, il giovane di 22 anni di Fiumicino che la sera di Capodanno ha stuprato una ragazza di 25 anni di Genzano in un bagno della Fiera di Roma, durante il festival internazionale di musica dance ed elettronica ''Amore 09''. Intanto la vittima e la sua famiglia, in un momento di sgomento, dopo la decisione di concedere i domiciliari al violentatore, minacciano di farsi giustizia da soli.


La  madre della giovane ha commentato la decisione di concedere i domiciliari con durezza: ''E' una vergogna, tutti sono sconcertati di questo fatto perche' non e' possibile. Dicono che c'e' giustizia ma dov'e' la giustizia? Mia figlia ha subito anche questa umiliazione, non e' possibile un fatto del genere''. Ancora piu' categorico il padre: ''E' uno schifo, ma vedi cosa sta succedendo in questi giorni a Roma e tu lo cacci subito fuori? Lui tutte le sere quando va a dormire deve pensare domani che cosa mi puo' succedere, tutte le sere per tutta la vita, si puo' sposare, avere dei figli, tanto io lo aspetto non c'e' problema''.
 

''Le parole esasperate e disperate della vittima dello stupro devono far riflettere'' ha commentato il sindaco di Roma Gianni Alemanno ringraziando il ministro della Giustizia Angelino Alfano per aver deciso di inviare ispettori e tornando a chiedere alla magistratura di rivedere la decisione dei domiciliari, ''di ottenere un giudizio veloce anche attraverso il processo immediato e di garantire la certezza della pena''. La polemica per la scarcerazione di Franceschini, pero', non si placa. Anche il premier Silvio Berlusconi ha detto di non condividere la decisione del gip: ''Lo stupro - ha affermato - e' un reato assolutamente indegno, bisogna difendere le donne, e' un trauma che rimane per la vita. E quindi sono in disaccordo totale con il giudice che ha messo fuori il responsabile di questo atto''.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©