Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Ragazzo ucciso con bottiglia, preso il colpevole

E' un ecuadoriano di 17 anni

Ragazzo ucciso con bottiglia, preso il colpevole
11/08/2011, 09:08

E’ un minorenne straniero l’assassino di Lorenzo Cenzato, il diciottenne ucciso ieri a Sovico con una bottiglia. L.V. è un ecuadoriano di 17 anni, ed è stato preso dai carabinieri del nucleo investigativo di Monza. Perché lo ha fatto? Anche gli amici che erano con i due ragazzi sono confusi. Chi dice che si tratti di una ragazza, chi per una partita a carte. Fatto sta che in un caldo pomeriggio d’agosto, un diciottenne, studente universitario ha perso la vita per una banalità. Al momento dell’accaduto si trovava insieme ad un gruppo di amici, tra i quali anche il suo assassino. Erano ai giardinetti di Sovico, bevevano una birra e facevano una partita a carte, un modo come un altro per ammazzare il tempo. Gli amici di Lorenzo sono arrabbiati, soprattutto perché credono che la giustizia italiana sarà clemente con il minorenne, come d’altronde è accaduto per altri casi. I genitori di Lorenzo, una mamma assicuratrice, un padre operaio, lo sono ancora di più, perché hanno perso all’improvviso un figlio che come in qualsiasi altro giorno, era semplicemente uscito per trascorrere qualche ora insieme ai suoi amici.

Commenta Stampa
di Maria Grazia Romano
Riproduzione riservata ©