Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Il giallo Gabanelli. Per molti c’è, ma manca la firma

Rai, il dg Lei: “Che torni ad essere un’istituzione”

Presentati i palinsesti autunnali della tv pubblica

Rai, il dg Lei: “Che torni ad essere un’istituzione”
21/06/2011, 11:06

ROMA – Raggiungere il pareggio di bilancio entro fine anno per consentire alla Rai di tornare a fare servizio pubblico ed essere vista nuovamente come un’istituzione: è questo l’obiettivo numero uno annunciato dal direttore generale, Lorenza Lei, in occasione della presentazione dei palinsesti autunnali della tv pubblica.
In che modo poter raggiungere ciò? Con un nuovo volto dell’azienda, riscrivendo un patto tra “Rai e cittadini”, attraverso la necessità del pluralismo, che va ricercato nel “confronto con gli autori e i conduttori” e tramite il fondamentale ruolo degli inserzionisti, che devono impegnarsi “a dare alla tv pubblica quello che merita”. In altre parole ciò che auspica il dg dell’azienda pubblica è: “Scegliere il meglio, come segno di libertà da ogni condizionamento”.
Nel giorno di presentazione dei palinsesti autunnali Rai, però, continua a tenere banco il nodo da sciogliere sui contratti di Rai3, in particolare quelli di Serena Dandini e Milena Gabanelli, che ha parlato nei giorni scorsi di una proposta irricevibile, perchè non prevede la condivisione della responsabilità da parte dell’azienda. La stessa giornalista, inoltre, ha annunciato di rivolgersi a un legale.
Proprio in riferimento a questa vicenda ha destato non poca curiosità tra i giornalisti presenti in conferenza, infatti,il nome di Milena Gabanelli nella cartella stampa di Rai3, distribuita in occasione della presentazione dei palinsesti. Secondo molti la giornalista non avrebbe ancora firmato per la nuova serie di puntate di “Report”. Nel palinsesto della rete ci sono Riccardo Iacona per “Presadiretta”, Giovanni Floris per “Ballarò”, Federica Sciarelli per “Chi l'ha visto?”, Edoardo Camurri per “Mi Manda Raitre”, Serena Dandini e Dario Vergassola (per molti un altro punto interrogativo sebbene presente anche lui nel palinsesto) per “Parla con me” e ancora Stefano Bollani con “La musica racconta, Roberta Petrelluzzi con “Un giorno in pretura”, Andrea Vianello per “Agorà”, Michele Mirabella per “Apprescindere” e Camilla Raznovich per “Amore Criminale”. Ci saranno Sveva Sagramola per “Geo & Geo”, Licia Colò per “Alle falde del Kilimangiaro”, Corrado Augias con le sue “Storie” e Fabio Fazio e Luciana Littizzetto per “Che tempo che fa”.

Commenta Stampa
di Antonio Formisano
Riproduzione riservata ©