Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Ignoti portano via oggetti preziosi e vandalizzano cappella

Raid al cimitero, il secondo in due settimane


.

Raid al cimitero, il secondo in due settimane
18/02/2010, 14:02

PORTICI - È allarme al cimitero di Portici. Per la seconda notte in due settimane, i ladri sono entrati in azione. Atti di vandalismo e furti di oggetti sacri: l'amara scoperta è stata fatta dai custodi del camposanto porticese. Corone di bronzo, antiche effigi di Gesù Cristo o candelabri da altare: questo è il bottino portato via dai malviventi la notte scorsa.
I ladri sarebbero entrati dalla cappella Laganà-La Torre. Secondo le ricostruzioni delle forze dell’ordine, avrebbero utilizzato una carriola per caricare il maltolto e portarlo all’esterno. Tra questo, una corona bronzea di decine di chili di peso. Ma oltre il furto, c’è l’atto vandalico. I ladri non si sono accontentati di portar via oggetti sacri, e hanno deciso di scagliasi contro la cappella danneggiandola a colpi di martello. Risultato: grate di protezione devastate e alcuni bassorilievi distrutti. Uno sfregio senza palese motivazione.
Il secondo nel giro di quindici giorni, appunto, e su cui la polizia ha aperto un nuovo fascicolo aggiungendolo alle indagini già in corso. Intanto cresce l'allarme tra i cittadini.
Il doppio furto preoccupa i proprietari dei loculi che ora temono anche saccheggi di beni personali. In un clima di tensione, l’amministrazione comunale continua a non prendere provvedimenti. E chissà che non sia proprio questa la causa di un ritorno dei “ladri cimiteriali”. In molti, infatti, avanzano l’ipotesi di un gesto intimidatorio per spingere il Comune di Portici alla messa in sicurezza del camposanto. Un’ipotesi su cui indagano anche gli investigatori.
 

Commenta Stampa
di Salvatore Formisano
Riproduzione riservata ©