Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

La notizia diffusa da Cecilia Strada

Rapimento Azzarà, contatto con Emergency


Rapimento Azzarà, contatto con Emergency
14/09/2011, 20:09

ROMA – Sta bene Francesco Azzarà, l'operatore umanitario rapito il 14 agosto scorso da ignoti nella regione sudanese del Darfur. Beve e mangia, ma soprattutto tiene duro. A dare notizia sulle sue condizioni è la presidente di Emergency, Cecilia Strada nel corso di un'audizione dinanzi alla Commissione straordinaria diritti umani del Senato.

L’appello di "Italians for Darfur", organizzazione capofila della campagna di sensibilizzazione sulla crisi e il conflitto in atto nella regione sudanese dal 2003, ha già raccolto centinaia di firme per la liberazione dell'operatore di Emergency. L’organizzazione, inoltre, ha esortato il governo sudanese e le rappresentanze politiche e della società civile sudanese in Italia, affinché si adoperino pienamente quali intermediari con il loro Paese per la liberazione di Azzarà.

Dal giorno del rapimento, non trapelano notizie sostanziali e questo confermerebbe la natura anomala del sequestro. Ecco perché nonostante l'impegno della Farnesina, appare determinante il pieno coinvolgimento delle istituzioni di Khartoum e delle rappresentanze sudanesi in Italia.

Commenta Stampa
di Rossella Marino
Riproduzione riservata ©