Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Avviate procedure per decretare morte cerebrale del ragazzo

Rapina al tabacchi, Giuffrè: ''Legittimo uso delle armi''

Il Questore di Napoli intervistato da JulieNews

.

Rapina al tabacchi, Giuffrè: ''Legittimo uso delle armi''
05/01/2011, 14:01

NAPOLI - Un’operazione di Polizia limpida e legittima, queste le parole del questore di Napoli Santi Giuffrè, commentando la rapina del diciassettenne compiuta in una tabaccheria di Napoli, finita con una sparatoria visto che al momento dell’irruzione era presente un cliente poliziotto. Avviata la procedura di morte cerebrale del baby rapinatore, rimasto ferito, durante un tentato 'colpo' in una tabaccheria di via Cirillo, a Napoli. Il ragazzo, che avrebbe compiuto 18 anni a febbraio, è ricoverato all'ospedale Loreto Mare nel reparto di rianimazione. Sia lui che l'altro rapinatore, diciottenne, avevano precedenti, proprio per rapina. Rapinatori, da sempre, anche i componenti della sua famiglia. Intanto, nella tarda serata di ieri, gli agenti della Squadra Mobile di Napoli hanno sentito il diciottenne, che ha confermato la dinamica dei fatti: la tentata rapina, la pistola puntata contro il titolare, gli spari contro il cane e la reazione da parte di un poliziotto libero dal servizio che ha ferito i rapinatori. Gli agenti hanno riferito che il diciottenne è apparso provato, soprattutto per le gravi condizioni dell'amico.

Commenta Stampa
di Nando Cirella
Riproduzione riservata ©