Cronaca / Soldi

Commenta Stampa

I malviventi riescono a scappare e far perdere le tracce

Rapina all’ufficio postale con conflitto a fuoco


.

Rapina all’ufficio postale con conflitto a fuoco
04/04/2011, 15:04

TERZIGNO- Prima sfondano con un ariete il vetro blindato, poi rubano 60 mila euro ed infine hanno un conflitto a fuoco con i carabinieri ma riescono comunque a far perdere le proprie tracce. E’ accaduto a Terzigno sabato mattina ,presso l’ufficio postale su corso Alessandro Volta, dove 4 malviventi, coperti in volto con passamontagna ed armati, hanno prima sfondato con un ariete artigianale il vetro blindato della postazione del cassiere poi una volta all’interno si sono impossessati della somma di 60.000 euro in denaro contante ed infine si sono dati alla fuga a bordo di una fiat Grande Punto risultata poi rubata ad Arzano.
Ma non finisce qua, perché una pattuglia della compagnia di intervento operativo del battaglione Campania ha intercettato i rapinatori in fuga, da qui è scaturito un conflitto a fuoco in cui i malviventi hanno sparato numerosi colpi d’arma da fuoco successivamente è giunto sul posto anche  un elicottero dell’elinucleo di pontecagnano e numerose altre pattuglie dell’arma. L’inseguimento e’ proseguito lungo la strada statale 268 ed è terminato all’altezza dello svincolo di sant’anastasia perché il veicolo dell’arma ha sbattuto contro un'Opel che procedeva sull’opposta corsia di marcia guidata da un 66enne di portici e con a bordo 2 donne che fortunatamente hanno riportato lievi escoriazioni. E’ andata un po’ peggio per il carabiniere autista al quale è  stato riscontrato un  “trauma sopracigliare con 2 ferite lacero contuse” guaribile in 7 giorni. Il successivo sopralluogo ha portato al rinvenimento ed al  sequestro di una pistola beretta calibro 9 con matricola abrasa e di una pistola scacciacani modificata, entrambe con i caricatori vuoti, di un cappellino nonché di numerosi bossoli e ogive di vario calibro e di una cartuccia calibro 7,65.

 

Commenta Stampa
di Simona Buonaura
Riproduzione riservata ©