Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Metre scappano un agente in borghese li fotografa

Rapinano un negozio di parrucchiere, fermati dalle polizia


Rapinano un negozio di parrucchiere, fermati dalle polizia
08/08/2011, 14:08

ERCOLANO- Scelgono un negozio di parrucchiere di Ercolano per fare una rapina che gli frutta un bottino di €.350, purtroppo per loro però  la testimonianza  di un agente della Polizia di Stato in borghese gli sarà fatale per l’identificazione e l’arresto da parte degli agenti del Commissariato di P.S. Portici-Ercolano. Sono finiti così in manette Vincenzo Cefariello pregiudicato di 27 anni e Pasquale De Martino  di 25anni, entrambi ritenuti responsabili, in concorso tra loro, del reato di rapina aggravata e porto abusivo di arma da sparo ed arma da taglio. La rapina è avvenuta nella tarda serata di sabato, ma come detto al momento era presente anche un agente di polizia, in servizio presso la Questura di Milano, in ferie a Napoli, che è riuscito a fotografare nel dettaglio i due, nonché il mezzo utilizzato per la fuga, un ciclomotore tipo cross, mini-moto di marca Lem di colore blu.  E’ stato poi il poliziotto, legato da rapporti di parentela con la vittima ad individuare uno dei due rapinatori, quello armato di coltello, incontrato per caso, ieri mattina, in Via IV Novembre ad Ercolano. Con il suo telefono cellulare, il poliziotto ha avvisato il Commissariato di P.S. Portici-Ercolano che, inviata una volante sul posto, ha provveduto al controllo De Martino, da accertamenti incrociati, gli agenti sono riusciti ad identificare anche il suo complice ossia Cefariello  segnalato come colui che, impugnando la pistola e puntandogliela alla testa, aveva minacciato la vittima. I poliziotti hanno rinvenuto e sequestrato, nei pressi dell’abitazione di De Martino, anche il ciclomotore usato per la fuga.nI due, entrambi residenti ad Ercolano, sono stati riconosciuti, senza ombra di dubbio, sia dalla vittima che dal poliziotto e condotti al carcere di Poggioreale.

Commenta Stampa
di Simona Buonaura
Riproduzione riservata ©