Cronaca / Giudiziaria

Commenta Stampa

Rapinarono coetaneo sulla circumvesuviana: due 17enne in manette


Rapinarono coetaneo sulla circumvesuviana: due 17enne in manette
25/09/2012, 17:19

Questa mattina, gli agenti del Commissariato di Pubblica Sicurezza Pompei, sulla base di un provvedimento del GIP del Tribunale per i Minorenni di Napoli, hanno eseguito un’Ordinanza di Custodia Cautelare in Istituto Penale per Minorenni a carico di due 17enni di Terzigno (Na), per una rapina in danno di alcuni minori, avvenuta la sera dello scorso 5 febbraio a bordo di un treno della Circumvesuviana in transito sulla linea Poggiomarino – Napoli, nel tratto compreso tra Scafati (Sa) e Pompei.

 

Secondo quanto riferito all’atto della denuncia, i due avevano strattonato e minacciato le vittime e minacciandole, avevano chiesto loro di consegnargli i telefoni cellulari. Arrivati alla stazione di Pompei, avevano poi scaraventato fuori dal convoglio le vittime della rapina per poi proseguire indisturbati il viaggio verso Napoli.

 

Subito dopo la denuncia è quindi iniziata una meticolosa attività di indagine da parte dei poliziotti di Pompei che come primo risultato ha portato all’identificazione degli autori della rapina e al rinvenimento e sequestro di uno dei telefoni cellulari sottratti alle vittime e subito restituito al legittimo proprietario.

 

Gli elementi raccolti dalla polizia, hanno portato poi alla sottoposizione dei sospettati ad un’individuazione di persona. Il susseguente riconoscimento da parte di una delle vittime ha determinato pertanto l’emissione del provvedimento cautelare della magistratura minorile.

 

Questa mattina, i poliziotti si sono recati presso le abitazioni di entrambi i minori ed alla presenza dei rispettivi genitori, hanno dato esecuzione ai provvedimenti conducendoli poi uno presso l’Istituto Penale per Minorenni di Airola (Bn)  e l’altro presso quello di Nisida (Bn).

 

Sono ora in corso delle indagini per accertare se i due minori si siano resi responsabili di analoghi fatti avvenuti sempre sui convogli della Circumvesuviana.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©