Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Le sue vittime, studenti tra i 12 e 17 anni

Rapinava minorenni, slavo 19enne arrestato


Rapinava minorenni, slavo 19enne arrestato
27/12/2011, 18:12

PERUGIA - Un ragazzo di origini jugoslave di 19 anni è stato arrestato ieri sera dai carabinieri della stazione dei carabinieri di Perugia in esecuzione di un'ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal gip di Perugia per varie rapine che lo stesso avrebbe commesso nei mesi scorsi ai danni di alcuni minorenni. Infatti, a partire dalla fine del mese di settembre e sino ai primi giorni di dicembre, sono state sporte varie denunce per rapina che vedevano come vittime studenti minorenni di età compresa tra i 12 e i 17 anni, frequentatori di vari istituti scolastici, che dopo essere stati avvicinati da un giovane extracomunitario, venivano minacciati verbalmente, a volte anche con un'arma da taglio, e costretti a consegnare i contanti e gli oggetti di valore in loro possesso. In particolare, il 17 settembre 2011, S.A. di 15 anni, ha denunciato di essere stato minacciato di percosse da un giovane extracomunitario che si è fatto consegnare la somma di 20 euro e una catenina d'oro. Il 27 settembre 2011 P.G. e B.C., rispettivamente di anni 12 e 13, hanno denunciato di essere stati avvicinati nel centro storico di Perugia da un giovane ragazzo extracomunitario, che dopo essersi fatto seguire in una zona appartata, li ha minacciati strattonandoli violentemente per impossessarsi della somma di 10 euro in loro possesso. Il 4 dicembre 2011 V.P. di 16 anni, ha denunciato di essere stato avvicinato, con una scusa, da un ragazzo sconosciuto, che dopo averlo strattonato si è impossessato del suo portafogli rubandogli 45 euro minacciandolo di accoltellarlo se avesse denunciato l'accaduto. Tra le prime due e l'ultima ci sono stati altri cinque episodi. Sono in corso ulteriori indagini allo scopo di accertare se l'autore ha commesso rapine nei confronti di altre persone che non hanno ancora sporto denuncia.

Commenta Stampa
di Valerio Esca
Riproduzione riservata ©