Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

L’accusa: pressioni per alleggerire il carcere ai mafiosi

Rapporti mafia-Stato: indagato l’ex ministro Mannino

Sarà sentito lunedì. Intanto la replica: “Sono estraneo”

Rapporti mafia-Stato: indagato l’ex ministro Mannino
23/02/2012, 17:02

PALERMO – Anche il nome dell’ex ministro democristiano Calogero Mannino finisce nel registro degli indagati. Siamo nell’ambito dell’inchiesta riguardante le trattative tra mafia e Stato e, secondo i magistrati della Dda di Palermo, l’ex ministro avrebbe esercitato pressioni dopo le stragi del ’92, per fare in modo di alleggerire il carcere duro per i mafiosi. Le accuse che vengono ipotizziate a suo carico, dunque, sono di pressioni per ottenere l’alleggerimento del 41 bis per i mafiosi: è in virtù di ciò che la Procura di Palermo ha deciso di indagare per un reato sintetizzato in “violenza o minaccia a un corpo politico o istituzionale dello Stato”. Quasi sicuramente l’ex ministro Dc sarà interrogato lunedì prossimo dai magistrati che stanno coordinando l’inchiesta sulle presunte trattative tra Stato e Cosa Nostra.
Mannino era stato già processato e assolto, con sentenza definitiva, dall’accusa di concorso in associazione mafiosa, ma ora il suo nome torna alla ribalta della cronaca giudiziaria palermitana. Il suo nome, tra l’altro, è solo uno dei tanti cha va ad allungare la lista dei ribattezzati “indagati eccellenti”: tra questi, il Prefetto Mario Mori e il capitano dei Carabinieri Giuseppe De Donno, come anche Marcello Dell’Utri. Nella stessa indagine sono indagati anche capimafia di spessore, come i boss Totò Riina e Bernardo Provenzano. Nulla fa escludere l’ipotesi che nei prossimi giorni si decida di indagare anche su altri nomi famosi della politica, per il momento tenuti in segreto. Per il momento, dal diretto interessato arrivano parole di indignazione: “Sono estraneo alla vicenda – ammette il parlamentare -. Potrei considerarlo uno scherzo o un delirio. Non ne so niente e trovo l’eventuale accusa priva di ogni fondamento. È una cosa che mi fa ridere”.

Commenta Stampa
di Antonio Formisano
Riproduzione riservata ©