Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Sale a 54 il numero dei suicidi in carcere,allarme della Uil

Ravenna, detenuto si impicca in cella


Ravenna, detenuto si impicca in cella
12/10/2010, 20:10

RAVENNA - Sono 54, nell'anno in corso, i detenuti che hanno deciso di togliersi la vita nelle rispettive celle. Il dramma dei suicidi consumati tra i muri grigi delle prigioni si è ripetuto quest'oggi, a Ravenna, dove un uomo di 42 anni, arrestato lo scorso 29 settembre per rapina, si è impiccato.
A darne notizia è stata la Uil-Pa di Ravenna.
Proprio il sindacato, attraverso una nota, ha descritto quella che viene definita come "un situazione arrivata al limite".
"La "mattanza" continua, nel silenzio, nell’indifferenza e nell’ipocrisia"; si legge infatti nella nota. Per la Uil, anche le condizioni di vita nel carcere ravennate hanno contribuito in maniera significativa a far intraprendere al detenuto originario di Gela la scivolosa strada del suicidio. "Sarà pur vero che è difficile dimostrare il nesso tra le condizioni detentive e la decisione di evadere dalla propria vita - osserva difatti il sindacato - ma quando ciò capita in un istituto come Ravenna questo nesso rappresenta una quasi certezza".
Parole forti, condite da dati che si mostrano sicuramente più che eloquenti e che parlano di una struttura dove "l’affollamento medio si attesta all’incirca verso il 145-150%. Potrebbe contenere al massimo 59 detenuti ma le presenze sono sempre molte di più". Come viene riportato anche dal Corriere, inoltre, la Uil sottolinea che "il contingente di personale è ridotto all’osso e i servizi sono organizzati in maniera da non poter garantire i livelli minimi di sicurezza  a fronte di un contingente previsto di 78 unità ne risultano in servizio solo 52. Una carenza organica di circa il 34% che rischia di paralizzare l’intera organizzazione".
Data la sempre più insostenibile situazione, dunque, il segretario della Uil-Pa di Ravenna, Eugenio Sarno, ha voluto rivolgere un  deciso appello al governo; riscontrando che "Berlusconi e Alfano hanno tutti gli strumenti e tutte le motivazioni per procedere in via di decretazione urgente".

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©