Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Razzismo all'ospedale di Ravenna, lo sdegno di Cascone


Razzismo all'ospedale di Ravenna, lo sdegno di Cascone
23/02/2010, 17:02


RAVENNA - Malasanità unita a razzismo. Quanto di più negativo la società italiana possa produrre ha fatto la sua comparsa all'ospedale di Ravenna, dove una famiglia di Afragola trasferitasi da anni a Cervia avrebbe sentito pronunciare da un dipendente in camice "soliti meridionali piagnoni" per la sola colpa di nutrire preoccupazione per la figlia di tre anni portata nella struttura ospedaliera con febbre alta e sangue che le usciva dalla bocca. I medici avrebbero scambiato un grave malore per una tonsillite, col risultato che la piccola Luigia è deceduta a causa dell'ennesimo caso di malasanità. I genitori della bimba hanno presentato un esposto in procura a Ravenna e il pm ha già disposto l'autopsia.

"E' un fatto gravissimo - ha commentato, indignato, Massimo Cascone, responsabile regionale dell'Italia dei Diritti -, sia per la frase che cela un'intolleranza a sfondo razzista, sia per la cattiva diagnosi del problema sanitario. Non mi sentirei di fare di tutta un'erba un fascio, ma l'autorità giudiziaria dovrà essere quanto più dura e severa possibile, perché è un episodio deplorevole. Indubbiamente negli ultimi anni, e questo è un fatto, si è andata accentuando anche in Emilia Romagna una forma di razzismo che prima non c'era, e ciò è sintomo di un clima di intolleranza preoccupante. Questo ulteriore episodio - conclude il rappresentante del movimento presieduto da Antonello De Pierro - non fa altro che denotare la decadenza totale della nostra società. Mi auguro che si faccia giustizia".

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©