Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Oltre 700 gli sfollati nella zona tirrenica del messinese

Recuperato il cadavere della terza vittima dell’alluvione


Recuperato il cadavere della terza vittima dell’alluvione
26/11/2011, 10:11

MESSINA - Il  cadavere di Luigi Valla, 55 anni, una delle tre vittime dell'alluvione che martedì scorso ha travolto alcune case di Scarcelli,  è  stato recuperato in nottata dalle squadre dei vigili del fuoco, ricoperto da una grande massa di fango.  Il corpo è stato estratto dalle macerie della palazzina dove l'uomo, che lavorava come operaio alle acciaierie di Milazzo, abitava insieme al figlio Giuseppe, 28 anni, morto insieme al padre. La  moglie, Rosetta Arrigo,  invece,  è riuscita miracolosamente a salvarsi raggiungendo, attraverso il balcone, un edificio adiacente. Nello stesso immobile abitava anche il piccolo Luca Vinci, di dieci anni, pure lui travolto e ucciso dalla massa di fango e detriti che si è staccata da un costone sovrastante l'abitato. Sono oltre 700 gli sfollati nella zona tirrenica del messinese, a causa delle alluvioni che, nei giorni scorsi, hanno colpito l'area. A comunicarlo la Protezione civile di Messina. Abitanti di Saponara, Villafranca Tirrena, Rometta e Barcellona Pozzo di Gotto, ma anche di altri piccoli paesi, sono stati costretti a lasciare le case. Molte persone hanno dovuto lasciare la propria casa per precauzione, dal momento che le piogge hanno creato situazioni di pericolo, con conseguente rischio di frane.

Commenta Stampa
di Rosario Scavetta
Riproduzione riservata ©