Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Dalla catena umana ai concerti: città in fermento

Referendum, a Napoli cresce la mobilitazione per il sì


.

Referendum, a Napoli cresce la mobilitazione per il sì
09/06/2011, 16:06

NAPOLI - Dalla catena umana  alle piazze illuminate fino a tarda notte. Sono solo alcune delle iniziative, promosse da comitati ed associazioni, per cercare di raggiungere il quorum ai referendum del prossimo 12 e 13 giugno e per far votare SI – e quindi, abrogare le relative norme – ai quesiti sull’energia nucleare e sulla privatizzazione dell’acqua. Si parte dall’evento “Diamoci una mano…”, organizzato dal Wwf Campania e da Greenpeace insieme a moltissime altre associazioni, che si sono dati appuntamento in piazza Trieste e Trento per “darsi una mano” e formare una catena umana che abbracci la fontana di piazza Trieste e Trento, il teatro di San Carlo, il Palazzo Reale e piazza Plebiscito. Poi si prosegue nel centro storico cittadino con l’evento “Ma la notte… Sì”, concerti, stand informativi e intrattenimento per sensibilizzare i napoletani al referendum. Alla catena di piazza Trieste e Trento ha partecipato, tra gli altri, anche il sindaco di Napoli Luigi de Magistris.

Commenta Stampa
di Davide Gambardella
Riproduzione riservata ©