Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Trend elevato, domani giornata decisiva

Referendum, alle 22 oltre il 40% dei voti: quorum a un passo

Crespi: "Dato finale oltre il 55", il Pd esulta

Referendum, alle 22 oltre il 40% dei voti: quorum a un passo
12/06/2011, 22:06

ROMA - Referendum sempre più vicini al quorum: l'affluenza, alle ore 22, tocca quasi il 41 per cento dei voti, con veri e propri record nelle città del centro nord, in particolare Bologna.  Quando mancano i dati di meno di mille comuni su 8.092, l'affluenza alle urne, alle ore 22, per i quattro referendum, si colloca intorno al 41%. Lo si rileva dal sito del Ministero dell'Interno. Cifre che fanno ugualmente esultare i comitati per il "Sì": nei referendum confermativi, alla stessa ora, la percentuale era più bassa. Ma il giorno dopo si raggiunse senza troppi affanni il quorum.
LA GIORNATA -  Secondo le stime rese note il dato in serata supera quello delle ore 19 (tra il 24,6% ed il 25,5%). Nel pomeriggio oscillava sulla metà dei Comuni tra il 28 ed il 29%: in particolare, di 5080 su 8092 (62,7%) viene evidenziato che per la scheda numero 1 dei referendum (in totale 4: due sull'acqua, uno sull'energia nucleare e un altro sul legittimo impedimento)
l'affluenza alle ore 19 è stata del 29,5%. La percentuale - ricorda il Viminale - si riferisce solo agli elettori residenti in Italia e non tiene conto dei 3,3 milioni di italiani residenti all'estero.
Trend più che positivo, uno dei migliori degli ultimi 20 anni, che fa ben sperare ai comitati che hanno chiesto alla gente di votare per il raggiungimento del quorum.  Al momento sono circa 18 milioni i voti, ma occorrono all'incirca altri 7 milioni per toccare il quorum fissato a 25.209.425 votanti: la caccia per raggiungere il quorum è dunque aperta, soprattutto tra i simpatizzanti del centrodestra. A Napoli, dove solitamente vince il partito dell'astensionismo, al seggio 149 (piazza S. Eframo vecchio). l'affluenza alle ore 19 era al 27,7%, in linea con il dato nazionale.
In Emilia Romagna l’affluenza si attestava al 39,12, mentre al sud (Puglia 21,75% e Campania 22,5%) le percentuali risultano più basse. Già i dati della mattinata sono stati superiori rispetto agli ultimi anni. Si tratta del terzo dato migliore di sempre per i referendum. Quello sul divorzio del ’74, alle ore 12 raggiunse il 17,9%. Quella volta andò a votare ben l’87,7%. Il dato di oggi, delle ore 12, vede il quorum all’11,64%.
Tra i primi a votare il Presidente della Repubblica Napolitano e Marco Pannella. Quest’ultimo ha detto: “sono venuto stamattina qui a votare per essere tra i primi a dire sì, sì, sì, sì. Ironico il comico Beppe Grillo: “ ho avuto quattro orgasmi e ho gridato quattro volte si”. Soddisfatto dell’affluenza alle urne Bersani: “l’affluenza alle 12 sopra l’11%. Io ho trovato la fila per votare”.

A MILANO OLTRE IL 28%: QUORUM VICINO - Alle ore 19 risulta che oltre il 28% degli elettori, secondo i dati ufficiali del Comune, ha votato per i referendum milanesi. "La voglia di partecipazione continua anche dopo le elezioni amministrative - hanno dichiarato Edoardo Croci, Marco Cappato e Enrico Fedrighini del Comitato promotore deireferendum milanesi - e siamo fiduciosi che si raggiunga gia' oggi il quorum del 30% necessario per la validita' della consultazione referendaria milanese. E' comunque importante che chi non si e' ancora recato ai seggi lo faccia entro domani alle 15. Abbiamo riscontrato diffuse violazioni presso i seggi delle istruzioni del Comune e della Prefettura per la mancata consegna contemporanea delle 9 schede (4 nazionali e 5 milanesi). In alcuni casi agli elettori e' stato addirittura chiesto se intendevano ritirare tutte le schede, in contrasto con le regole di voto. Ci siamo rivolti al Sindaco e al Prefetto per garantire la correttezza delle procedure di voto".

BOSSI: SPERO CHE LA GENTE NON VADA A VOTARE - "E' assolutamente inutile ,spero che la gente non vada a votare". Lo ha detto, riferendosi ai referendum, il leader della Lega Umberto Bossi prima di inaugurare un nuovo presidio a Lesa, nel novarese. Secondo il senatur, i referendum "non sono una verifica per il governo, anche perche' durate l'ultimo Consiglio dei ministri Berlusconi mi ha dato il compito di fare una nuova legge sull'acqua. Per quanto riguarda il nucleare, io e Calderoli l'abbiamo spostato di 10 anni. Per cui andare a votare e' inutile".

PROIEZIONI CRESPI: "DATO FINALE SUPERA IL 55%" - "L'affluenza delle 12 si attesta per tutti i quattro quesiti referendari sopra 11,5%. La proiezione finale calcolata sulla base di questa affluenza ci consegna un dato gia' sopra il 55% al netto del voto all'estero, ma non mi sorprenderei se il dato fosse anche piu' alto. Se alle ore 22 l'affluenza si attestera' sopra il 40% per il quorum sara' cosa fatta, anche perche' questo dato incentiva gli elettori a recarsi alle urne". L'ha detto al giornale online Clandestinoweb.com Luigi Crespi, direttore dell'istituto demoscopico Crespi Ricerche.

STUMPO (PD),AFFLUENZA ALTA, QUORUM ORMAI VICINO - ''La grande partecipazione al voto per il referendum ci fa essere particolarmente fiduciosi che il quorum sara' raggiunto. Il dato delle 22 di questa sera, con una percentuale di votanti che ha superato il 40%, denota una tendenza molto al di sopra rispetto all'ultima volta in cui si e' raggiunto il quorum. Si tratta di fare l'ultimo sforzo e domani sara' una bellissima giornata''. Lo afferma Nico Stumpo, responsabile organizzazione del Partito Democratico. 

Commenta Stampa
di Davide Gambardella
Riproduzione riservata ©