Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Referendum, blitz CasaPound Italia Napoli per il sì ai due quesiti sull’acqua


Referendum, blitz CasaPound Italia Napoli per il sì ai due quesiti sull’acqua
07/06/2011, 11:06

"Unghie nere su una mano che dovrebbe essere quella, curata, di un manager, con tanto di camicia dal polsino inamidato e giacca blu. Questa l’immagine rappresentata sui volantini lasciati galleggiare nella fontana del Nettuno in Via Medina a Napoli per dire ‘no’ alle ‘’mani sporche’’ dei privati sull’acqua. A lanciare il messaggio è CasaPound Italia, impegnata a favore del sì ai due referendum sull’acqua del 12 e 13 giugno prossimi con una campagna che è solo l’ultimo atto di una battaglia, quella per l’acqua pubblica, che l’associazione porta avanti da anni e che l’ha vista in prima fila sul territorio, con iniziative in tutta Italia: dalle fontane sequestrate in Friuli nel 2010 per dire ‘’le acque sono sociali non capitali’’ alla giornata di mobilitazione regionale a sostegno della gestione pubblica del servizio idrico del novembre scorso a Rieti, dal simbolico tour delle sorgenti naturali in Valdelsa all’ultima iniziativa, quella di Sassari, dove solo pochi giorni fa i militanti di Cpi hanno regalato mille bottigliette d'acqua e distribuito centinaia di volantini per sensibilizzare la popolazione sul referendum. A Napoli CasaPound Italia è stata presente con presidi di sensibilizzazione sul tema dell'acqua in tutta la città. ‘’L’acqua è per definizione un bene pubblico, che, proprio perché appartiene a tutti, deve necessariamente essere sganciato dalle logiche del mercato e del profitto -afferma il responsabile provinciale di Napoli Enrico Tarantino - Svenderla ai privati non solo non rappresenta una soluzione ai problemi di mala gestione, ma è eticamente sbagliato e dunque inaccettabile. Per questo l’invito di CasaPound Italia è a votare due sì convinti a entrambi i quesiti sull’acqua pubblica in occasione del referendum di domenica 12 e lunedì 13 giugno’’. Così una nota a cura di Casapound Italia.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©