Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Una mail sarebbe stata inviata ai simpatizzanti del partito

Referendum, il Pdl fa dietrofront: "Andate tutti a votare"


Referendum, il Pdl fa dietrofront: 'Andate tutti a votare'
12/06/2011, 20:06

ROMA - Contrordine: votate tutti. La paura, si sa, fa 90, ma le percentuali finora raggiunte ai referendum (quota 30 per cento) già fanno paura, eccome, al Pdl. Sconfitta in vista, poichè tutti gli analisti ritengono questo voto un test politico. E visto che un'ennesima sberla al Governo metterebbe seriamente in difficoltà Berlusconi ed il suo entourage, sarebbero state inviate, in tempi record, delle mail che invitano i simpatizzanti di partito a votare. Mittente: direttivo del Popolo della Libertà di Roma. Trattasi di bufala? Sul web intanto impazzano gli sfottò, scatenando l'ilarità dei blogger.
IL TESTO – Poche e dirette righe, con tanto di dati e convenevoli: sarebbe questo il contenuto della mail che in queste ore starebbero inviando ai seguaci del partito di Berlusconi. Qui di seguito ne riportiamo il contenuto.  
 
“Caro amico, cara amica
Alla luce delle percentuali ufficiali estrapolate alle ore 12 giorno corrente dal Viminale, ci preme rettificare le indicazioni di voto diffuse a mezzo stampa nei giorni precedenti da parte di tutti i nostri rappresentanti. Vista l'alta affluenza alle urne riguardante il referendum per l'abrogazione delle norme in calce temiamo una elevatissima percentuale di "SI" (che si attesterebbe ad oltre l'80% secondo sondaggi), mettendo l'attuale direttivo nazionale e il governo tutto in un'imbarazzante posizione con poche giustificazioni in tal senso. Vi pregherei, a titolo personale e a titolo di tutti gli esponenti di partito e di quelli alleati, di recarvi immediatamente alle urne a votare "NO" quanto meno per abbassare la percentuale dei voti a favore. Sicuro in un Vs piccolo sacrificio per dare un segno di solidarietà alla Ns coalizione Vi auguro una buona domenica.
In fede.
 
Direttivo Popolo delle Libertà

Commenta Stampa
di Davide Gambardella
Riproduzione riservata ©