Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

I resti del corpo inviati al RIS di Messina per l'esame DNA

Reggio Calabria, a Ribalta scoperto un corpo carbonizzato


Reggio Calabria, a Ribalta scoperto un corpo carbonizzato
26/12/2012, 12:23

Nella frazione “Serro Valanidi” della località Ribata a Reggio Calabria, sono stati rinvenuti dei resti umani completamente carbonizzati. A scoprire i resti umani ai margini del torrente, nel corso di una perlustrazione, sono stati i carabinieri della Stazione di Rosario Valanidi diretta dal maresciallo aiutante sostituto ufficiale di pubblica sicurezza Antonio Fazio. Il successivo sopralluogo e i rilievi di rito sono stati effettuati dalla Sezione Investigazioni Scientifiche del Comando provinciale di Reggio Calabria, sul posto anche il comandante della Compagnia di Reggio Calabria, il capitano Pantaleone Grimaldi.  I resti rinvenuti sono stati opportunamente classificati al fine di risalire alla identificazione della vittima e stabilire le cause della morte. I resti infatti saranno inviati al Ris di Messina per l'esame del Dna. La battuta era stata disposta per rintracciare un anziano di Rosario Valanidi, Paolo Falduto di 74 anni, la cui scomparsa era stata denunciata domenica scorsa dai familiari, che non lo vedono dal 17 dicembre. I carabinieri ipotizzano, ma solo l'esame del Dna potrà darne conferma, che i resti rinvenuti possano appartenere proprio al pensionato scomparso. Quel che è certo è che, secondo i primi rilievi, si tratterebbe di omicidio. Il cadavere, riposto lì da alcuni giorni, è stato incendiato utilizzando copertoni di auto.   

Commenta Stampa
di Fabio Iacolare
Riproduzione riservata ©