Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Reggio Calabria: troppo lavoro per il GUP, il boss è libero


Reggio Calabria: troppo lavoro per il GUP, il boss è libero
03/03/2009, 16:03

L'ufficio gup di Reggio Calabria, a causa dell'eccessivo carico di lavoro, non deposita una sentenza di condanna col rito abbreviato ed il boss della 'ndrangheta torna libero per scadenza dei termini. E' la vicenda - di cui scrive il quotidiano Calabria Ora - che riguarda Cosimo Romanello, presunto boss della 'ndrangheta e luogotenente del capo dell'omonima cosca, Giuseppe Coluccio, di Gioiosa Jonica (Reggio Calabria), arrestato in Canada dopo un lungo periodo di latitanza. Il tribunale ha disposto la scarcerazione di Romanello, per scadenza dei termini di carcerazione preventiva, accogliendo l'istanza presentata dal suo difensore, l'avvocato Leone Fonte. Secondo quanto ha riferito lo stesso penalista, l'ufficio Gup di Reggio Calabria ha un organico ridotto ed a causa di questo i magistrati non hanno il tempo materiale per potere redigere e depositare le sentenze.

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©