Cronaca / Sangue

Commenta Stampa

Reggio Emilia: guardia giurata uccide la moglie e tenta il suicidio


Reggio Emilia: guardia giurata uccide la moglie e tenta il suicidio
01/07/2009, 14:07

Tragedia a Correggio, in provincia di Reggio Emilia. Salvatore Cioce, di professione guardia giurata, originario del napoletano, ha ucciso la moglie Elvira Bombara soffocandola col cellophane; dopo di che ha preso la sua pistola e si è sparato. I due figli della coppia, di 10 e 11 anni, che giocavano sotto casa, non si sono accorti di nulla. Al momento di rientrare hanno bussato a lungo, senza ricevere nessuna risposta. Allora hanno deciso di andare dai nonni, che abitano a poche centinaia di metri. Strada facendo hanno raccontato l'accaduto ad un vicino, che ha chiamato Vigili del Fuoco e Carabinieri. Quando costoro sono arrivati e sono entrati nell'abitazione, hanno visto che l'uomo non era ancora morto, anche se ferito molto gravemente, e hanno chiamato un'ambulanza. Ora Cioce è ricoverato nell'ospedale di Reggio Emilia e lotta per vivere.
Secondo una prima ricostruzione, a far scattare tutto la decisione della donna di lasciare il marito. Decisione che Cioce non avrebbe accettato, causandone la spropositata reazione.

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©