Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Il ragazzo consultava materiale hard

Regno Unito, minorenne abusa di bimba di 5 anni: assolto


Regno Unito, minorenne abusa di bimba di 5 anni: assolto
05/07/2012, 18:07

CAMBRIDGE – Dalla Gran Bretagna arriva una sentenza che fa davvero discutere: un ragazzo, 15enne, ha ammesso di aver abusato di una bimba di 5 anni mentre le faceva da baby-sitter ma è stato assolto perché secondo il giudice Gareth Hawkesworth “la colpa è del mondo e della società”. Il 15enne è stato condannato ad un’attività lavorativa a favore della comunità.
Ieri gli attivisti si sono scagliati contro questa sentenza ritenendola “troppo soft”. Il Conservatore Nick de Bois, della Commissione Giustizia, ha dichiarato: “Un ragazzo di 14 anni sa cosa è giusto e cosa è sbagliato. Questa azione riprovevole dovrebbe essere punita con una detenzione e un’ordinanza di custodia cautelare come minimo. Non oso pensare al messaggio che passerà con questa sentenza. Credo che sarebbe stato più opportuno da parte del giudice attribuire le responsabilità ai genitori e al ragazzo stesso, invece di incolpare la società”.
La bambina, vittima degli abusi, ha raccontato che il ragazzo le aveva promesso del cioccolato in cambio della sua “disponibilità”. Il genitore della piccola si è rivolto alla Corte sostenendo che questo tipo di esperienza le causerà danni psicologici a lungo termine.
“Ho perso la testa, gli ormoni hanno preso il sopravvento”. Con queste parole il ragazzo si è giustificato con la polizia, ammettendo di essere da anni un fruitore di materiale pornografico consultato utilizzando il computer portatile dei suoi genitori. Fatto, quest’ultimo, che ha spinto il giudice verso la sentenza emessa lunedì scorso che gli ha risparmiato sei anni e mezzo di custodia. L’esposizione alla pornografia adulta, secondo Hawkesworth, lo avrebbe condotto a commettere il crimine, e di qui le colpe rivolte alla società da parte del togato. Al ragazzo sono stati ordinati tre anni di servizi comunitari e il divieto di guardare materiale pornografico di ogni genere per cinque anni.
Lo stesso giudice era già finito sotto accusa lo scorso anno per non aver imprigionato un ragazzo di 26 anni che stuprò una bambina 14enne. Lo scorso mese aveva inoltre rilasciato uno scassinatore recidivo perché lamentava che la sua cella era “troppo traumatica”.

Commenta Stampa
di Erika Noschese
Riproduzione riservata ©