Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Religione: Italiani pronti a tornare a Messa in latino


Religione: Italiani pronti a tornare a Messa in latino
18/10/2009, 17:10


"In Italia il 63% dei cattolici praticanti assisterebbe regolarmente (almeno una volta al mese) alla forma straordinaria della messa - cioe' antica, in latino e in gregoriano - se ne avesse la possibilita' materiale. E' il risultato significativo del sondaggio effettuato dall'istituto Doxa per l'Associazione Paix Liturgique e il sito internet "Messa in latino". " Questa inchiesta sulla recezione del Motu Proprio di Papa Benedetto XVI del luglio 2007 - dice Andrea Carradori, in rappresentanza dei promotori dell'iniziativa e membro dell'Associazione Leopardi Dittajuti di Recanati - nella penisola e' stata realizzata il mese scorso su un campione di 1001 persone di piu' di 15 anni , con metodi e assoluto rigore scientifico. Per questo il risultato per noi e' ancora piu' entusiasmante." Entrando nel merito del sondaggio, alla domanda piu' importante, posta dai rilevatori della Doxa - "Nel luglio 2007 Papa Benedetto XVI ha ribadito che la messa puo' essere celebrata sia nella forma moderna detta "ordinaria" o "di Paolo VI" - cioe' in italiano, il sacerdote e' rivolto ai fedeli e la comunione si riceve in piedi - sia sotto la sua forma tradizionale detta "straordinaria" o "di Giovanni XXIII" - cioe' in latino e gregoriano, con il sacerdote rivolto all'altare", lei lo sapeva?" - il 64% dei praticanti, cattolici che dichiaravano di andare almeno una volta al mese alla messa, rispondeva "si'", contro un 36% che non ne sapeva nulla. Se si considera invece l'insieme dei cattolici, praticanti e non, solo il 58% ne era a conoscenza.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©