Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Da pluribocciato a politico di successo in un anno

Renzo Bossi consigliere regionale?



Renzo Bossi consigliere regionale?
20/01/2010, 18:01

All'interno della spesso anche fratricida battaglia per le regionali si inserisce anche il classico "figlio di..."; uno di quei personaggi che risultano il più delle volte poco simpatici e molto ingombranti a prescidere dalle loro reali capacità.
Chiariamoci: se vali qualcosa e tuo padre è un pezzo grosso non c'è nulla di male se, questo pezzo grosso, ti aiuta ad emergere regalandoti incarichi importanti. Ma la condizione sine qua non è appunto il grande valore individuale che travalica il cognome importante che porti. Se però ti chiami Renzo Bossi, sei stato bocciato per ben 3 volte di fila all'estame di stato e il tuo papà si è sempre violentemente scagliato contro il nepotismo di "Roma ladrona", allora, la "bottarella paretnale", potrebbe risultare un'incoerenza tollerabile come un pugno sulle gengive. Precisiamo che non abbiamo nulla di personale contro un ragazzotto dalla voce roca che è team manager della "Nazionale Padana" e che, con i suoi, intona cori da stadio al grido di "Italia ti odio"; però, dobbiamo riscontrarlo, un 23enne privo di titoli che diviene consigliere regionale addirittura della Lombardia ci sembra un po' troppo (considerando anche l'incarico che "la trota" ha già ottenuto come membro dell'osservatorio all'Expo di Milano).
In effetti, la scelta del Senatùr, ha creato parecchio scompiglio sia all'interno della stessa Lega che tra le fila del Pdl. Così, dal partito del Carroccio, è arrivata subito la smentita: la voce che vorrebbe Bossi Jr candidato in un listino bloccato per la regione settentrionale sarebbe solo "una voce per mettere zizzania".
Insomma: dopo le numerose boutade estive della Lega, ci sarebbe finalmente qualcuno che si diverte a prendere per i fondelli Calderoli and company. Tuttavia, dopo la secca smentita per quanto riguarda la poltrincina da consigliere regionale, arriva la proposta più "soft" che propone il come dicevan tutti Renzo come assessore esterno allo sport e ai giovani. Dove? Il dubbio sarebbe tra Varese e Milano. In tanti storcono in naso ma in pochissimi osano contraddire la volontà del (Dis)Senatùr. Intanto su facebook è già nato il gruppo per "sostenere" la candidatura del Nostro. E voi? Tra Renzo la trota e Antonio La Trippa chi votereste? Nel video allegato trovate un'intervista rilasciata dal probabile futuro leader leghista ad Enrico Lucci. Di sicuro, dopo averla visionata, saprete di più su questo "promettente" giovanotto che, come si suol dire, "è tutto suo padre".

Di seguito, inoltre, poniamo all'attenzione un'altra "perla" regalata dai militanti Leghisti a quelli del partito di Pier Ferdinando Casini.
Cominicato di Goffi (UDC) dal titolo "Da Lega pirtaria politica sul web"
"
La contraffazione del gruppo su Facebook 'Udc per il Piemonte', divenuto 'Lega Nord Piemonte',e' un atto di pirateria politica su web''. Lo dice il segretario Udc del Piemonte Alberto Goffi che ha denunciato all'autorita'giudiziaria la contraffazione su Facebook.
''La buona fede di chi si era iscritto a un gruppo di sostegno all'Udc Piemonte - spiega - aderendo dunque ai nostri ideali, e' stata spazzata via con un click in guanto verde. Ci auguriamo che, dopo la nostra denuncia all'autorita' giudiziaria, Maroni faccia il ministro anteponendo il proprio ruolo istituzionale a quello politico, provvedendo a perseguire i responsabili e ristabilendo la situazione originaria. Siamo
certi - aggiunge - che anche Cota, il cui manifesto con tanto di foto e slogan propagandistici ha soppresso lo spazio dedicato all'Unione di Centro, sara' d'accordo con noi al pari di Zaia che, come ministro dell'Agricoltura, e' impegnato da tempo nella 'lotta alle contraffazioni'. Se la campagna elettorale parte all'insegna dell'inganno di migliaia di elettori e cittadini piemontesi, ci sono molte ragioni per temere atti ancor piu' vergognosi"

Commenta Stampa
di Germano Milite
Riproduzione riservata ©