Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

"Il tricolore identifica un sentimento vecchio di 50 anni"

Renzo Bossi:"Ai mondiali non tiferò per l'Italia"


Renzo Bossi:'Ai mondiali non tiferò per l'Italia'
20/04/2010, 17:04

ROMA - Renzo Bossi, altrimenti conosciuto come mister 13.000 voti e zero meriti, viene intervistato da Vanity Fair ed esprime il meglio del meglio dello spirito padano. Dopo essere stato eletto consigliere regionale della Lombardia ed essersi assicurato un lauto stipendio pur non possedendo titoli e soprattutto competenze, il piccolo lord di marchio leghista tuona sicuro:"Ai prossimi mondiali non tiferò per l'Italia". E come mai? Semplice:"Perchè il tricolore identifica un sentimento che risale a cinquant'anni fa".
Insomma nessuna bandiera italiana appesa al balcone della famiglia Bossi e nessun tifo sfegatato per gli azzurri durante la prossima competizione in Sudafrica. Del resto si sa che, al color del cielo, i padani doc preferiscono da sempre un più dignitoso verde muco. L'altra perla della "trota" viene poi donata quando gli si chiede se conosce il tanto criticato ed odiato meridione. La risposta è a dir poco agghiacciante:"No perchè non sono mai sceso a Sud di Roma". E meno male, potrebbe osservare qualche malizioso; magari ti sarebbe toccato diventare uomo crescendo senza la protezione-raccomandazione di papà Senatùr. E chissà che un giorno, il piccolo pluriprivilegiato pluribocciato, non avrà il coraggio di metter piede in terronia. In effetti, a pensarci bene, potrebbe essere lui il nuovo sindaco di Napoli; o no?

Commenta Stampa
di Germano Milite
Riproduzione riservata ©