Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

I pm hanno dato parere negativo. Ora deciderà il gip

Respinti i domiciliari per Lele Mora: resta in carcere


Respinti i domiciliari per Lele Mora: resta in carcere
01/08/2011, 19:08

La difesa di Lele Mora, il talent scout finito in carcere lo scorso 20 giugno con l’accusa di bancarotta fraudolenta aggravata, percheè avrebbe distratto dalla “LM Management”, fallita più di un anno fa, quasi 8 milioni e mezzo di euro, ha presentato sabato scorso al gip Fabio Antezza una richiesta di arresti domiciliari. Da quanto si è saputo, gli avvocati Nicola Avanzi e Luca Giuliante nella loro istanza hanno chiesto al giudice la rivalutazione della adeguatezza e della proporzionalità delle esigenze cautelari che, a loro avviso, possono anche essere tutelate con gli arresti domiciliari.
La Procura di Milano ha dato però parere negativo. Ora la decisione finale spetta al gip. Nell’ambito dell’inchiesta dei pm Eugenio Fusco e Massimiliano Carducci, che ha portato più di un mese fa agli arresti Mora, è indagato per concorso in bancarotta anche il direttore del Tg4 Emilio Fede, in relazione a un prestito da 2 milioni e 850mila euro arrivati all’agente dei vip da parte di Giuseppe Spinelli, manager di fiducia di Silvio Berlusconi. Gli inquirenti ipotizzano che Fede, interrogato qualche giorno fa, abbia trattenuto per sé una parte di quella somma mentre erano in corso la procedure di fallimento della “LM Management”.

Commenta Stampa
di Antonio Formisano
Riproduzione riservata ©