Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Rete Calena Beni Comuni chiama a raccolta l’Agro Caleno

Ennesimo rischio per territorio martoriato

Rete Calena Beni Comuni chiama a raccolta l’Agro Caleno
05/06/2013, 14:36

AGRO CALENO - L’ennesimo rischio si paventa per il territorio già troppo martoriato dell’Agro Caleno. La notizia è certa: la Iavazzi Srl intende costruire sul territorio del demanio di Calvi Risorta una centrale a Biomasse di enorme portata. Ciò trova fondamento nell’acquisto dei terreni, nell’area ex-Pozzi, da parte della società e nell’abbattimento, autorizzato, dei fabbricati che si trovano in loco.

E’ chiaro l’attacco che si vuole perpetrare a danno della salute e dell’incolumità delle comunità locali. Infatti, la centrale non sarà altro che un inceneritore mascherato, visto che la legge permette a questo tipo di impianti di bruciare CDR, meglio conosciute come ecoballe. La situazione è aggravata dai legami che la Iavazzi Srl ha con società addette allo smaltimento di rifiuti.

Tutto ciò a pochi passi dalla centrale Turbogas di Sparanise e da quello che resta di un’analoga centrale sita a Pignataro Maggiore e mai entrata in funzione, a causa di infiltrazioni criminali.

Inoltre, non c’è una reale necessità per la costruzione di una nuova centrale, dato che la produzione energetica della nostra provincia già soddisfa e supera il proprio fabbisogno energetico.

L’esperienza degli ultimi anni insegna: questo impianto non garantirà né crescita, né occupazione, ma sarà solo l’ennesima speculazione del territorio.
Dobbiamo opporci a questa nuova minaccia, avviando da subito una mobilitazione popolare, che sappia coinvolgere tutte le frange della comunità.

La Rete Calena Beni Comuni invita tutti a partecipare ad una prima ASSEMBLEA APERTA, che si svolgerà LUNEDÌ 10 GIUGNO, ALLE 18.30, PRESSO LA VILLA COMUNALE DI CALVI RISORTA.

Costruiamo insieme il Comitato Popolare di opposizione alla Centrale a Biomasse dell’Agro Caleno.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©