Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

"Io il diploma in ragioneria l'ho preso al primo tentativo"

Riccardo Bossi:"In casa decide tutto papà, è un supereroe"


Riccardo Bossi:'In casa decide tutto papà, è un supereroe'
23/02/2010, 21:02

NAPOLI - Il primogenito di Umberto Bossi ci tiene a precisare fin da subito un punto: lui il diploma in ragioneria l'ha preso al primo tentativo. Poi parla del suo film preferito ("Mio fratello è figlio unico") e lascia trasparire un po' d'amarezza per il "successo" che il fratello Renzo sta ottenendo dopo la sua pluribocciatura alle superiori. Riccardo Bossi è il primo figlio nato dal primo matrimonio tra il Senatùr e Gigliola Guidali ed assicura:"Con mio fratello minore vado d'accordo". Eppure, rispetto al fratellino, le polemiche che nacquero per il suo strapagato incarico da collaboratore dell'europarlamentare leghista Francesco Speroni, hanno ottenuto risultati decisamente meno graficanti. Come lo stesso Riccardo rammenta, infatti:"Hanno voluto attaccare la Lega. E' assurdo che mi venga vietata ogni esperienza solo perché ho un cognome importante. E poi, quando è scoppiato il caso, sono tornato a casa". Per Renzo stesse polemiche ma sorte diversa: candidatura alle regionali lombarde e posto di rilievo al prossimo expo di Milano.
Ma su questo aspetto il figlio del leader del carroccio è chiaro:"E' mio padre che decide chi deve andare nei posti e perché. Avrà le sue ragioni. Non sono certo io che discuto le sue decisioni". Non solo: "Papà - continua riverente - ha sempre vissuto con l'acceleratore a tavoletta. Io so che chi fa così rischia. Però per me era un supereroe, era immortale". Dopo l'Ictus che ha colpito il padre, conclude il leghista pilota di rally "C'è meno distanza. Abbiamo persino imparato ad abbracciarci dopo l'ictus. Almeno è servito a qualcosa". Peccato che nessun cronista abbia fatto al giovane una semplice domanda del tipo:"Consideri tuo padre un supereroe anche per aver millantato una laurea in medicina mai avuta? Chissà...

Commenta Stampa
di Germano Milite
Riproduzione riservata ©