Cronaca / Soldi

Commenta Stampa

In manette il nipote del boss Ciro Sarno, "'o Sindaco"

Ricettazione e tentata estorsione, due arresti a Napoli


Ricettazione e tentata estorsione, due arresti a Napoli
22/11/2009, 14:11

NAPOLI - Due giovani sono sati arrestati dagli agenti del Commissariato Ponticelli, a Napoli, per i reati di ricettazione e tentata estorisione. Si tratta di Luigi Sarno, di 21 anni e Carmine Verdemare, di 25 anni, quest'ultimo con precedenti per ricettazione e furto. I due, in Via Mario Palermo, sono stati notati dai poliziotti mentre erano fermi vicino a due ciclomotori del tipo Honda SH 125. Alla vista degli agenti, i due giovani hanno tentato invano di sviare il controllo affermando che, uno dei motocicli, non era di loro proprieta' bensi' di un amico, mentre l'altro era di proprieta' di Sarno. Quest'ultimo, addirittura, ha tentato di salire a bordo di uno dei due motocicli col chiaro intento di allontanarsi. Benche' alla banca dati della Polizia, entrambi i motocicli non risultavano tra quelli da ricercare, i poliziotti sono riusciti ad accertare che, il motociclo appartenente al fantomatico amico di Sarno e Verdemare, era stato rubato la sera precedente e non era stata presentata ancora denuncia. Gli agenti, inoltre, sono riusciti a risalire al legittimo proprietario del motociclo, il quale confermava il furto e di non aver presentato ancora denuncia nella speranza di poterlo recuperare. Dalle dichiarazioni della vittima, i poliziotti hanno accertato che questa era stata fatta oggetto anche di un tentativo di estorsione. La vittima, infatti, con un ''regalo'' in danaro, avrebbe dovuto ricompensare colui che si sarebbe occupato della restituzione del proprio motociclo. Per Luigi Sarno, figlio del piu' noto Carmine, conosciuto negli ambienti della criminalita' locale come ''Topolino'', e per il quale il pm della Procura della Repubblica, presso il Tribunale di Napoli, il 19 novembre ha chiesto l'ergastolo per un omicidio avvenuto in San Giorgio a Cremano, Napoli. Sarno e Verdemare si trovano nel carcere di Poggioreale.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©