Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Richieste onerose per gli acquirenti Ater del XII Municipio di Roma, l'appello di Soldà


Richieste onerose per gli acquirenti Ater del XII Municipio di Roma, l'appello di Soldà
04/02/2010, 17:02


ROMA - "Qualsiasi onere a carico dei cittadini deve essere verificato". Queste le parole di Roberto Soldà, vicepresidente dell'Italia dei Diritti, in merito alla richiesta di denaro avanzata dal Comune di Roma verso alcuni cittadini del XII Municipio. Gli acquirenti di case di edilizia convenzionata e sovvenzionata Ater, infatti, dovrebbero sborsare soldi per la rivalutazione degli stessi terreni. Secondo la segnalazione di Sabrina Ragucci, viceresponsabile dell'Italia dei Diritti per il XII Municipio di Roma, l'importo da risarcire sarebbe stato calcolato non attraverso la valutazione dei territori, ma includendo gli errori compiuti dal Comune durante la procedura di esproprio e la stipula di convenzione dei piani di edilizia popolare. A distanza di trent'anni, dunque, l'amministrazione comunale torna a chiedere ai cittadini soldi per il rialzo del valore dei terreni. "Bisogna procedere con oculatezza ed attenzione - continua Soldà - attraverso una verifica immediata dei fatti soprattutto se si tratta di accadimenti che risalgono a molto tempo fa". Intanto, nell'ultima seduta del consiglio municipale, che ha visto la partecipazione della cittadinanza, si è deciso di richiedere al Comune una delibera che impegni il Sindaco a bloccare le procedure e le missive di ottemperanza per scongiurare obblighi onerosi a carico delle famiglie abitanti nelle suddette case.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©