Cronaca / Giudiziaria

Commenta Stampa

Il denaro di Cosa Nostra e della camorra ai colletti bianchi

Riciclaggio a San Marino, arrestati esponenti degli Stolder

Racket e neomelodici: ecco i business della cosca

.

Riciclaggio a San Marino, arrestati esponenti degli Stolder
21/09/2011, 15:09

NAPOLI - Una lavanderia di danaro sporco in grado di ripulire cinque milioni di euro in appena sei mesi di cui usufruivano i clan della camorra napoletana e casertana, ma anche le famiglie di Cosa Nostra ramificate a Milano. Sono ventisette le persone finite in carcere a seguito di un’indagine durata più di un anno, e condotta dalla Direzione Investigativa di Napoli, ritenute legate al clan Stolder Ferraiuolo, egemone sul territorio del centro storico del capoluogo campano, e alla cosca dei Fidanzati, costola della mafia siciliana al nord. Durante le indagini, eseguite con tecniche investigative classiche ed in base alle intercettazioni telefoniche, sono state svelate le connivenze tra i colletti bianchi che riuscivano a portare ingenti capitali nelle banche di San Marino ed i boss di camorra e mafia. Era un notaio a far entrare il denaro di provenienza illecita nel piccolo comune, ma la consorteria criminale riusciva anche a garantire la latitanza a pezzi da novanta della camorra casertana, come il killer Giuseppe Setola, ricercato a seguito della strage di Castelvolturno. Le indagini hanno accertato inoltre che la camorra di Forcella pretendeva anche regali dalle attività ristorative della zona, ed inoltre imponeva il pizzo ai cantanti neomelodici per le esibizioni durante le feste popolari in piazza. Ma non solo. Nella rete dei signori del racket è finito anche Gianni Improta, l’ex centrocampista del Napoli titolare della scuola calcio posillipino “Virgilio”, e la pizzeria Trianon di Forcella. Il clan, in quest’ultimo caso, non pretendeva soldi, bensì una cassa di pomodorini freschi che veniva recapitata ogni sera a casa del capoclan.  Tra i destinatari dell’ordinanza scattata all’alba, oltre al boss già detenuto, Raffaele Stolder, vi è anche la moglie.  
(Nel video l'intervista al capo della Dia di Napoli Maurizio Vallone)

Commenta Stampa
di Davide Gambardella
Riproduzione riservata ©