Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Ricorso giudici di pace a pagamento, perplessità dell'Italia dei Diritti


Ricorso giudici di pace a pagamento, perplessità dell'Italia dei Diritti
12/01/2010, 08:01


ROMA - "La situazione è analoga alla nave dei folli che anziché turare la falla ne apre un'altra mentre la nave allegramente affonda". Questo il sarcastico commento del responsabile per la Tutela dei Consumatori dell'Italia dei Diritti Vittorio Marinelli sul provvedimento del pagamento di minimo trentotto euro per far ricorso al giudice di pace anche per multe di minore importo. "Il legislatore - spiega l'esponente del movimento presieduto da Antonello De Pierro - , convinto di risolvere il problema dell'ingolfamento dei giudici di pace, ha creato le sicure premesse per il collasso degli uffici del Governo ex prefetture. E' facile infatti essere profeti nell'immaginare come l'inferocito popolo italico non perderà la catarchica soddisfazione del ricorso, semplicemente opterà per quello, esente da spese, della via amministrativa davanti al prefetto. La situazione è oltremodo complessa perché riguarda la problematica della mobilità negata e la necessità dell'utilizzo del mezzo privato. La mancanza d'infrastrutture che rende inevitabile il comportamento non ligio al codice della strada, l'inadeguatezza della prassi amministrativa che mostra il fianco a facili ricorsi, il diritto costituzionale alla giustizia ma anche le sacrosante esigenze di bilancio. In mezzo a questo caos - conclude Marinelli - non si sa come uscirne e continua il mistero italiano di come facciano gli aerei a volare senza precipitare visto la banda d'impiastri che governa la complessità dei fenomeni. Certamente c'è il rischio di eliminare l'unico sfogo di un popolo che anziché indignarsi collettivamente per il dissesto generale, si accontenta di innocue proteste davanti a già pensionati, ora giudici di pace, in questa farsa nazionale nella quale sono tutti spettatori e attori".

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©