Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

RIDOTTO IN SCHIAVITU', 45ENNE LIBERATO DAI CARABINIERI


RIDOTTO IN SCHIAVITU', 45ENNE LIBERATO DAI CARABINIERI
06/11/2008, 16:11

 

Lo teneva segretato in una stanza pericolante, priva di pavimento e servizi igienici. I carabinieri della compagnia di Eboli, nel salernitano, hanno tratto in arresto Alessandro Somma, 54enne di Campagna, agente penitenziario in pensione che aveva ridotto in schiavitu' un 45enne di Eboli costingendolo a lavorare nei campi di giorno e rinchiudendolo di notte in una stanza serrata con un robusto lucchetto. A guardia della prigione anche ben nove pittbull pronti ad attaccare se l'uomo avesse tentato la fuga. Il casolare-prigione e' inoltre una struttura fatiscente e pericolante di due piani; Somma viveva al piano superiore, tenendo il suo prigioniero al primo piano, in una ambiente lurido infestato da un odore nauseabondo anche perche' il quarantacinquenne era costretto ad espletare nella sua stanza tutte le sue esigenze fisiologiche. Nel casolare, sottoposto a sequestro, il degrado e' apparso evidente ai militari dell'arma che hanno ritrovato dovunque materiali di scarto e rifiuti. Il 45enne ebolitano era costretto a vivere in condizioni disumane da circa due anni. Era anche riuscito anche a fuggire due volte, ma era sempre stato rintracciato da Somma e ricondotto con la forza al casolare nella periferia di Eboli in localita' Scorziello. L'indagine e' coordinata dal sostituto procuratopre del tribunale di Salerno, Roberto Penna.

Commenta Stampa
di Vincenzo Rubano
Riproduzione riservata ©