Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Al termine di un consiglio comunale

Rifiuti : aggredito il sindaco di Boscoreale


Rifiuti : aggredito il sindaco di Boscoreale
17/11/2010, 15:11

BOSCOREALE -Per la questioni rifiuti nel vesuviano oramai si è al centro di un circolo vizioso da dove è sempre più difficile uscirne. Questa notte a Boscorelae si è registrata una situazione di grande tensione tra il sindaco Genanro Langella, che è stato aggredito,  ed i cittadini presenti al di fuori del comune. Ecco in fatti. Il primo cittadino di Boscoreale ha indetto alle 20 di ieri un consiglio comunale al cui ordine del giorno c’era l’incresciosa situazione dei rifiuti, La conclusione della seduta ha visto l’approvazione unanime di una mozione che esprime vicinanza e solidarietà al Sindaco di Terzigno Domenico Auricchio  in merito all’adozione dell’ordinanza che impedisce ai diciotto comuni della “zona rossa” la circolazione sul territorio comunale degli autocompattatori diretti alla discarica SARI. A questo punto però succede l’imprevisto perché seppure i cittadini si dicono contenti della presa di posizione di Langella vogliono che l’ordinanza abbia effetto immediato ovvero che già da allora fosse inibito il passaggio dei camion, al rifiuto dell’amministrazione cominciano i disordini tanto da rendere necessario l’intervento di Polizia e carabinieri. Il sindaco è costretto ad allontanarsi da un’uscita secondaria del Municipio per raggiungere piazza Pace scortato dalle forze dell’ordine. Una volta dentro l’auto però continuano le proteste che non permettono all’auto di spostarsi, un manifestante poi scaglia una pietra contro la macchina della polizia danneggiandola in alcuni punti, sono stati rotti anche dei vetri i cui frammenti hanno ferito un ispettore di polizia che guarirà in 5 giorni. I carabinieri hanno individuano il facinoroso  e lo hanno arrestano per espletare le azioni del caso. Si tratta di Giovanni Paduano di 47 anni  che è stato processato per direttissima in mattinata. “Sono amareggiato e sconcertato da quanto accaduto la scorsa notte. Una frangia di esagitati, con una richiesta insostenibile in quel momento, ha scatenato la contestazione con l’unico scopo di alimentare la tensione. E’ quanto ha dichiarato il sindaco Gennaro Langella a poche ore dalla violenta contestazione subita la scorsa notte. L’ordinanza sindacale, è stata adottata stamattina e “vieta con decorrenza immediata, e fino a nuova e diversa disposizione, la circolazione su tutto il territorio comunale agli auto compattatori che trasportano rifiuti solidi urbani a pieno carico e diretti alla discarica SARI sita nel Comune di Terzigno” .
    

 

Commenta Stampa
di Simona Buonaura
Riproduzione riservata ©