Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Auricchio accusato di interruzione di servizio pubblico

Rifiuti, indagato il sindaco di Terzigno


Rifiuti, indagato il sindaco di Terzigno
18/11/2010, 14:11

TERZIGNO - Potrebbe costar caro al sindaco di Terzigno, Domenico Auricchio, aver firmato l’ordinanza che vieta l’ingresso a Cava Sari degli auto compattatori provenienti dagli altri comuni vesuviani. Questa mattina, mentre Auricchio era a Palazzo Chigi in attesa di esser ricevuto dal Presidente del Consiglio, Silvio Berlusconi, il pubblico ministero della Procura di Nola, Giuseppe Visone, ha dato il via ad un indagine sul suo conto. Auricchio è ufficialmente indagato per interruzione di pubblico servizio, ovvero, per aver impedito agli auto compattatori di sversare i rifiuti provenienti dai paesi della “zona rossa”.
Intanto, alla luce dell’ordinanza emessa dal Sindaco di Terzigno, il primo cittadino di Boscoreale, Gennaro Langella, attraverso manifesto murale, ha rivolto invito alla cittadinanza affinché, con decorrenza immediata, non depositi, nei giorni di martedì e sabato, la frazione secco indifferenziato. Con lo stesso manifesto il Sindaco, scusandosi per gli inevitabili disagi, ha invitato la cittadinanza a non interrompere comunque la raccolta differenziata.

Commenta Stampa
di Salvatore Formisano
Riproduzione riservata ©