Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Del Giudice: "La mia non è una mera lamentela"

Rifiuti, la preoccupazione del presidente di Asìa


.

Rifiuti, la preoccupazione del presidente di Asìa
08/11/2012, 15:34

NAPOLI – La crisi economica colpisce anche il fronte rifiuti a Napoli. Gli impianti sono in sofferenza e per rafforzare la raccolta differenziata, avviata già da tempo in alcuni quartieri cittadini, si attendono ancora dei fondi messi, tra l’altro, a serio rischio dalla situazione attuale che la città sta vivendo. Ecco perché non nasconde la sua preoccupazione il presidente di Asìa, Raffaele Del Giudice.

“Sono preoccupato, ma c’è lavoro di squadra – dice Del Giudice – tutta la filiera sta cercando di risolvere la questione. Purtroppo si tratta di una fragilità strutturale, non c’è in questo la cattiva fede di nessuno. La nota di sofferenza è quella lanciata dal sindaco, dalla giunta dalla città di Napoli – prosegue il presidente di Asìa – che aspetta quei fondi dal Governo. Non si può più perdere tempo perché l’amministrazione ha un obiettivo, l’azienda si sta candidando ad una vocazione industriale e quei fondi servono anche all’ampliamento con la raccolta differenziata”.

Tra i pensieri dell’ex numero uno di Legambiente ci sono anche i siti di compostaggio, annunciati dal sindaco e di cui ancora non si sa molto.

“La realizzazione dei siti –sottolinea Del Giudice – deve mettere assieme tutta la filiera, Regione, Provincia e Comune che stanno facendo tutti gli sforzi per cercare di accelerare. Certo la crisi economica sta incidendo molto, sta incidendo anche sui operatori del mercato che con difficoltà decidono di investire perché, ripeto, questa crisi economica è strutturale e riguarda tutta l’Italia ed in modo particolare la Campania e Napoli”.

E mentre Napoli “arrangia”, le periferie sono in sofferenza. “Nelle periferie noi abbiamo il grande problema della migrazione dei rifiuti – continua l’ambientalista – sappiamo di un rinnovato impegno dei Vigili Urbani, che abbiamo incontrato qualche giorno fa nel cercare di inasprire le sanzioni. Le multe stanno arrivando”.

La preoccupazione di Raffaele Del Giudice, però, non toglie spazio al suo ottimismo di sempre. “La mia non è una vera lamentale – conclude  -bisogna occuparsi prima del problema. C’è grande sintonia di Comune, Provincia e Regione. Speriamo che la crisi non morda così pesantemente, ma sono sicuro che Napoli ce la farà”. 

Commenta Stampa
di Rossella Marino
Riproduzione riservata ©