Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

De Magistris: Ok con Prestigiacomo, Lega sia responsabile

Rifiuti, la raccolta va avanti: diminuiscono i cumuli

1850 tonnellate in strada, Sepe: "Emergenza come cancro"

.

Rifiuti, la raccolta va avanti: diminuiscono i cumuli
25/06/2011, 13:06

NAPOLI - È guerra fredda ormai tra la Lega nord e Napoli sul decreto sbloccaflussi per liberare il capoluogo partenopeo dai rifiuti. Nonostante l’appello di Giorgio Napolitano affinché venga dato il via libera ai camion per poter sversare in altre regioni, il Carroccio, attraverso Roberto Calderoli, annuncia che voleranno sedie qualora il Consiglio dei Ministri dovesse far passare il decreto salva-Napoli. Un muro su cui si scontra l’indignazione del sindaco di Napoli Luigi de Magistris, il quale annuncia che l’incontro con il Ministro dell'Ambiente Stefania  Prestigiacomo  è andato a buon fine.   
"Mi auguro che il governo approvi il decreto su Napoli prima di giovedi' perche' sia governo che Lega devono assumersi le loro responsabilita' ed evitare che non si possano portare i rifiuti fuori dalla regione" ribadisce De Magistris: "Noi ovviamente auspichiamo questo provvedimento perche' e' il contributo del governo alla situazione drammatica di Napoli e anche di altre province di questa regione - aggiunge De Magistris - ma nel frattempo sto cercando di trovare le soluzioni per liberare le strade dai rifiuti anche perche', in una stagione di federalismo, Napoli deve essere autonoma, puntare sull'orgoglio dei cittadini per non dipendere mai piu' da veti incrociati e circuiti politico-affaristici che per troppi anni hanno tenuto sotto ricatto la citta'".
La raccolta intanto riprende nei quartieri più colpiti della città, mentre arriva il monito del cardinale Crescenzio Sepe affinchè si estirpi quello che col tempo è divenuto un vero e proprio cancro.

LA RACCOLTA VA AVANTI - Si sono ridotte a circa 1850 tonnellate le giacenze di spazzatura accumulate lungo le strade di Napoli. Lo fa sapere l'Asia - l'azienda speciale di igiene ambientale - precisando che la scorsa notte sono state raccolte e portate agli impianti Stir piu' di 1600 tonnellate di spazzatura, smaltendo cosi' una quota di arretrato di circa 400 tonnellate. Le operazioni di raccolta proseguiranno, cosi' come disposto dal sindaco De Magistris, anche nella giornata di domani 24 su 24 ore (con turni di 8 ore), nonostante la giornata festiva e malgrado gli impianti Stir siano chiusi, come avviene nei festivi, nel pomeriggio. Gli sforzi per al riduzione delle giacenze, si apprende sempre da Asia, saranno concentrati nelle prossime ore nella zona del centro dove nei giorni scorsi si sono avvertiti pesantemente i disagi.

Commenta Stampa
di Davide Gambardella
Riproduzione riservata ©