Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

RIFIUTI: L'UE DEFERISCE L'ITALIA


RIFIUTI: L'UE DEFERISCE L'ITALIA
07/05/2008, 09:05

I guai per l’Italia a causa dell’emergenza rifiuti non sono finiti. La Commissione Europea ha deferito il Paese alla Corte di giustizia per gestione inadeguata e la non certezza sui tempi. 
La decisione, presa una settimana fa, è stata resa esecutiva soltanto ieri. A inquietare la Commissione è il fatto che, nonostante vi siano stati dei progressi per migliorare il sistema, non vi sono certezze che la questione sia risolta con le misure adottate fino a ora. Bruxelles fa un primo avvertimento scritto per la mancata esecuzione nel Lazio della sentenza con cui la Corte di giustizia ha sancito che l’Italia è venuta meno all’obbligo di adottare piani regionali di gestione dei rifiuti, e se lì’Italia non dovesse rispettare la sentenza potrebbero essere richieste delle ammende.
La situazione, quindi, non è delle migliori, anche se trascorreranno alcuni mesi prima che la Corte emetta la sua sentenza, inoltre, se questa dovesse essere negativa, si aprirà una nuova procedura e ci vorrà ancora del tempo. ci vorranno mesi. Intanto, a ChiaIano, prosegue il presidio pacifico della cava individuata come nuova discarica per servire la zona di Napoli, così, è partita una corsa contro il tempo per allestirla e scongiurare una nuova crisi.
Qualche buona notizia, però, i cittadini l’hanno ricevuta, si è svolto un vertice tra sindaci dell'hinterland a nord di Napoli, rappresentanti della VIII municipalità e prefetto di Napoli, Alessandro Pansa in cui si è deciso che la discarica sarà aperta solo dopo accertamenti tecnici.

Commenta Stampa
di Francesca Fortunato
Riproduzione riservata ©