Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

E da Palazzo San Giacomo c’è la delibera “terra dei fuochi”

Rifiuti, nuove forze contro sversamenti illeciti


.

Rifiuti, nuove forze contro sversamenti illeciti
17/10/2012, 17:48

NAPOLI – E’ stato firmato, questa mattina, in Prefettura  il protocollo aggiuntivo all’intesa sottoscritta già il 23 marzo scorso contro lo sversamento illecito e la combustione di rifiuti sulle principali strade extraurbane della provincia di Napoli.

Ad aderire al nuovo patto e ad aggiungersi ai già 17 Comuni sottoscrittori sono stati altri otto territori (Marano, Mugnano, Plama Campania , Qualiano, Roccarainola, Somma Vesuviana, Terzigno , Villaricca), tre  Asl (Napoli1 Centro, Napoli Nord, Napoli3 Sud), l’Arpac, ed alcune associazioni ambientaliste. L’obiettivo è quello di monitorare e prevenire situazioni illecite. A dare supporto, questa volta, c’è anche la Regione che ha fatto sapere di voler stanziare dei fondi per un aiuto concreto. Palazzo Santa Lucia, inoltre, si impegna anche ad attivare presso la scuola regionale di Polizia Locale, appositi stage e incontri formativi con il personale della polizie locale per il migliore conseguimento degli obiettivi prefissati.

L’attività di coordinamento sarà garantita mediante appositi crono programma di azioni da intraprendersi e da monitoraggi predisposti dalla Provincia e dalla Regione, condivisi dalla Prefettura.

E nella giornata in cui si firma il nuovo patto a Palazzo di Governo, il vicesindaco di Napoli, Tommaso Sodano, annuncia l’approvazione in giunta di una nuova delibera per combattere il fenomeno così detto “terra dei fuochi”. In questo caso si vuole, soprattutto, evitare la combustione dei rifiuti.

Con la delibera si impegna Asìa  al prelievo differenziato dei pneumatici, anche se abbandonati per strada, da conferire al consorzio Ecopneus per inviarli a recupero. Ma non solo. La partecipata del comune di Napoli dovrà, inoltre, anche prelevare  i rifiuti provenienti dalla differenziazione effettuata dall'Astir, società di proprietà della regione Campania, e conferirli nei siti di destinazione finale.

?Da Palazzo San Giacomo fanno sapere che i nuovi impegni affidati ad Asìa rientrano tra le attività che l’azienda deve svolgere  nell'ambito dei corrispettivi già determinati e riportati nel bilancio 2012, quindi non comportano un costo aggiuntivo.

La nuova delibera, tra l’altro, prevede l’impegno del nucleo della Polizia locale, dedicato alla lotta allo sversamento abusivo di rifiuti, con l'ausilio dei 50 volontari da utilizzare come guardie ambientali nei luoghi dove si registra con ricorrenza la presenza di cumuli di rifiuti. 

Commenta Stampa
di Rossella Marino
Riproduzione riservata ©