Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

L'Ufficio flussi: "2940 tonnellate raccolte". Ancora roghi

Rifiuti, proseguono i conferimenti ma resta il dramma

La Regione accusa l'Asìa: "Non sversano a Giugliano"

.

Rifiuti, proseguono i conferimenti ma resta il dramma
14/05/2011, 12:05

NAPOLI – Una corsa contro il tempo. Un tentativo che col passare delle ore appare disperato, velleitario. Le elezioni in Campania andranno avanti tra i rifiuti, ma la task force di Palazzo Santa Lucia tenta ancora di far tornare la situazione alla normalità. Mentre le strade di Napoli e del suo hinterland sono ancora soffocate dalle montagne di spazzatura, l’Ufficio flussi della Regione Campania continua a conferire i rifiuti nei siti regionali. Più di 2940 tonnellate, di cui 1150 della città di Napoli, sono state smistate per le discariche regionali, 700 nel solo Stir di Giugliano, 500 a Tufino ed altrettante tonnellate nella discarica di Terzigno. A Chiaiano 100 tonnellate secondo piano giornaliero programmato. Ma la situazione resta ancora critica nel capoluogo campano, dove l’aria è irrespirabile e le arterie sono invase da tappeti di spazzatura.
LA REGIONE ACCUSA L'ASIA - "Sono 1420 le tonnellate di rifiuti provenienti dal Comune di Napoli che ieri sono state conferite grazie ai dispositivi dell'Ufficio Flussi della Regione Campania che, però, sottolinea che, dalle 23.00 alle 24.00 di ieri, allo Stir di Giugliano (riservato quasi interamente al Comune capoluogo) non si sia presentato nessun mezzo di Asìa". E' quanto riferisce l'ufficio stampa della Giunta Regionale della Campania.
"Nell'impianto, a quell'ora - si legge nella nota -  vi sarebbe stata la possibilità di smaltire altre 100 tonnellate di spazzatura proveniente dalla città di Napoli. Una opportunità che Asìa ha perso, nonostante in strada vi siano ancora circa 1250 tonnellate di rifiuti. Per quanto riguarda la situazione impiantistica si segnala la riapertura della discarica di Chiaiano: questa mattina i mezzi del Comune di Napoli vi hanno portato 150 tonnellate, grazie ai dispositivi regionali".

Commenta Stampa
di Davide Gambardella
Riproduzione riservata ©