Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Caldoro tenta di bloccare i ricorsi al Tar delle Province

Rifiuti, scade oggi l'ordinanza: corsa contro il tempo


.

Rifiuti, scade oggi l'ordinanza: corsa contro il tempo
25/07/2011, 13:07

NAPOLI - Scade oggi l’ordinanza con la quale il Governatore della Regione Campania, Stefano Caldoro ha disposto il trasferimento della frazione umida degli stir nelle discariche delle altre province. Ma da Palazzo Santa Lucia potrebbe essere stilato una nuovo decreto per i trasferimenti. Si lavora, intanto, anche per cercare di evitare il ricorso al Tar di Avellino, Benevento e Caserta.
Certo se si fermassero i trasferimenti dei prodotti degli stir, gli impianti andrebbero in tilt e la provincia di Napoli affogherebbe nella monnezza. Attualmente, a terra ci sono ancora 1.600 tonnellate di rifiuti ed il dibattito di martedì in commissione ambiente, difficilmente produrrà effetti immediati. I viaggi della spazzatura verso i paesi stranieri non cominceranno prima della fine di agosto per la A2A. E dal Comune, che pure sta lavorando su una serie di trattative, si aspettano notizie. I tempi appaiono lunghi, troppo lunghi anche per le discariche e per il nuovo inceneritore. Per non parlare, poi, del sito di trasferenza in via Brin: sarà necessario trovare una sistemazione per gli immigrati che ci vivono e poi realizzare una serie di interventi.
Ecco dunque che una nuova ordinanza Caldoro sembra, al momento, inevitabile. Il timore è che possano essere vanificati tutti gli sforzi fatti fin ora per migliorare la situazione.

Commenta Stampa
di Davide Gambardella
Riproduzione riservata ©