Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Cava aperta fino al 2013, la Camera verso il sì al decreto

Rifiuti, verso l'ampliamento di Chiaiano: 200mila tonnellate in più


.

Rifiuti, verso l'ampliamento di Chiaiano: 200mila tonnellate in più
26/07/2011, 11:07

NAPOLI - Una scelta che ha già fatto discutere e che alla luce delle notizie riportare dagli organi di stampa scatenerà nuove proteste. L’ampliamento della cava della zona del Frutteto a Chiaiano è ormai questione di giorni. I primi rilievi sono partiti per far sì che la discarica ospiti 200mila tonnellate di rifiuti in più fino al 2013, per assicurare alla città di avere un sito idoneo ad ospitare le montagne di spazzatura ammassate per le strade. La parola d’ordine dell’amministrazione comunale è autonomia, quella necessaria per far sì che la città riesca a cavarsela da sola ad ogni crisi sul versante della raccolta dei rifiuti. Piani che però hanno bisogno di tempo, ed ecco che nell’immediato tocca al presidente della Regione Campana, Stefano Caldoro, studiare una nuova ordinanza per scongiurare che i ricorsi al Tar delle province blocchino di nuovo i trasferimenti nei siti regionali. Il sindaco di Napoli Luigi de Magistris , intanto, incontra oggi il premier Silvio Berlusconi per illustrare la drammatica situazione che sta vivendo il capoluogo partenopeo, i piani e soprattutto i fondi per far partire in tempi rapidi la differenziata. Un incontro, quello che si terrà a Palazzo Chigi, che giunge a poche ore dal sì della Camera affinché venga posta la fiducia al decreto sblocaflussi.

Commenta Stampa
di Davide Gambardella
Riproduzione riservata ©