Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

De Magistris: "Comune ha fatto tutto ciò che poteva"

Rifiuti, verso maximulta Ue: l'Italia chiede proroga 2 mesi


.

Rifiuti, verso maximulta Ue: l'Italia chiede proroga 2 mesi
29/11/2011, 15:11

NAPOLI - Il nuovo stop alla raccolta dei rifiuti in strada e il via libera al termovalorizzatore che arriva direttamente da Roma non frena i piani dell’amministrazione comunale di Napoli. Mentre si attende la partenza delle prime navi verso l’Olanda, la corsa contro il tempo contro le sanzioni dell’Ue si arricchisce di un nuovo capitolo: le autorità italiane chiedono infatti una proroga di due mesi per scongiurare la malxi-multa. 
L'Italia ha infatti chiesto alla Commissione Ue una proroga di due mesi per far fronte alla crisi dei rifiuti in Campania, secondo quanto riferisce Joseph Hennon, portavoce della Commissione Ue sulle questioni ambientali. Il portavoce ha sottolineato che "la Commissione sta analizzando la richiesta italiana." Da mesi e' in corso una procedura di infrazione di Bruxelles contro l'Italia per il mancato adeguamento alle norme Ue nella gestione dei rifiuti in Campania.
Il sindaco de Magistris intanto va avanti.  
L'amministrazione comunale di Napoli ritiene di aver ottemperato a quanto in suo potere sul fronte rifiuti: secondo la fascia tricolore Palazzo San Giacomo "ha fatto tutto quello che rientra nelle proprie competenze, andando anche oltre. Abbiamo realizzato la nostra impiantistica, la differenziata e' stata avviata anche nel quartiere di Posillipo e prima di Natale partiranno le prime navi per l'Olanda. Sull'inceneritore, poi, abbiamo manifestato la nostra netta contrarieta'". Sulle possibili sanzioni, quindi, "non ci inseriamo nella querelle, siamo osservatori interessati, ma la questione non ci compete per nulla perche' riguarda il passato. Il piano presentato dal Governo a Bruxelles e' quello predisposto dalla Regione". Quanto alle criticita' per la giacenza di immondizia in alcune zone della citta' questa mattina, precisa, non ci sono "responsabilita' di Comune, Provincia o Regione. E' la conseguenza di uno sciopero indetto a livello nazionale dagli operatori del settore". Il primo cittadino di Napoli assicura che "sono gia' tutti a lavoro per recuperare gia' in giornata e soprattutto questa notte, quindi tutto dovrebbe tornare alla normalita'".

Commenta Stampa
di Davide Gambardella
Riproduzione riservata ©