Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Il Csm colloca "fuori ruolo" uno dei giudici

Rignano Flaminio: da rifare il processo per "l'asilo degli orrori"


Rignano Flaminio: da rifare il processo per 'l'asilo degli orrori'
16/06/2011, 14:06

TIVOLI (ROMA) - Tutto da rifare, nel processo per il cosiddetto "asilo degli orrori" di Rignano Flaminio, in provincia di Roma ed in corso al Tribunale di Tivoli. Infatti il Csm ha deciso di mettere "fuori ruolo" uno dei componenti del Collegio giudicante, la dottoressa Marzia Minutillo Turtur, In pratica, il giudice d'ora in poi - e per almeno due anni - si occuperà di fare il membro delle commissioni esaminatrici dei concorsi in magistratura.
Questo le impedirà di partecipare al processo. D'altronde, già un altro membro del Collegio, l'altro giudice a latere Barbara Caliari, è "a prestito" dal Tribunale di Roma. Quindi il processo è stato affidato alla prima sezione collegiale del Tribunale di Tivoli, mantenendo il Presidente Mario Frigenti che ora dovrà formare un nuovo collegio. E, a meno che le difese degli imputati non diano il loro assenso (cosa che statisticamente non avviene quasi mai), il processo dovrà ricominciare daccapo, con la richiesta delle prove e con tutti i testimoni del Pm, compresi quelli già sentiti.
Il processo in questione riguarda cinque imputati: le maestre Marisa Pucci, Silvana Magalotti e Patrizia Del Meglio, l'autore tv Gianfranco Scancarello e la bidella Cristina Lunerti. Le quattro donne lavoravano nella scuola materna Olga Rovere di Rignano Flaminio e tutti gli imputati sono accusati di  violenza sessuale di gruppo, maltrattamenti, corruzione di minore, sequestro di persona, atti osceni, sottrazione di persona incapace, turpiloquio e atti contrari alla pubblica decenza. Infatti secondo l'accusa i cinque hanno abusato dei bambini, che venivano fatti uscire da scuola ed accompagnati in un appartamento nelle vicinanze, dove erano sottoposti a violenze sessuali.

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©